Tutto il necessario per fare il Cammino di Santiago

· 11 Febbraio 2019
Il Cammino di Santiago è uno dei percorsi di pellegrinaggio più frequentati al mondo, ma per realizzarlo è necessario avere ben organizzato tutto ciò che potrebbe essere necessario lungo la strada

Insieme a quelli verso Gerusalemme e Roma, il Cammino di Santiago, è uno dei tre grandi pellegrinaggi del cristianesimo. Oltre a tutto ciò che rappresenta a livello spirituale, è anche un’attrazione turistica, culturale e sportiva.

È un viaggio che anno dopo anno attrae pellegrini e turisti di tutto il mondo. Di cosa avete bisogno per fare il Cammino di Santiago?

Il Cammino di Santiago: delimitazione geografica

Si dice che il Cammino di Santiago comincia dalla porta di casa di tutti coloro che desiderano fare il pellegrinaggio. Il cammino più popolare è per la via francese; il cui punto di partenza può situarsi a Roncesvalles, nella Comunidad Foral di Navarra.

Il percorso inizia anche da Saint Jean Pied de Port, in Francia, 27,5 chilometri più a est; la distanzia completa da questa città a Santiago de Compostela è di 727,6 chilometri.

Un’altra forma conosciuta per completare il pellegrinaggio è il Cammino del Norte o  quello della costa. Questo percorso è parallelo al ” Camino de los Francos”, al confine con la costa del Mar Cantabrico.

11

Tutto il necessario per fare il Cammino di Santiago

Indipendentemente dai motivi che vi spingono a fare questa lunga passeggiata, le cose più importanti per fare il Cammino di Santiago sono la volontà e la determinazione. Da questo momento in poi, la prossima cosa da fare è pianificare il percorso nel miglior modo possibile, tenendo anche conto del tempo che si ha per completare il viaggio.

Il percorso per la via francese, dal confine con il paese gallico fino al tempio giacobino, è di almeno 31 giorni, sempre considerando che non ci siano ritardi e che faccia bel tempo.

Quando andare

Il percorso può realizzarsi in qualsiasi periodo dell’anno, considerando i vantaggi e gli svantaggi di ogni stagione. Luglio è il mese con il maggior numero di persone, cosa che può causare problemi per trovare un posto dove passare la notte.

Prepararsi fisicamente e mentalmente

Il percorso può essere effettuato da chiunque. Coloro che non svolgono attività fisica molto spesso, potrebbero avere qualche difficoltà.

Se volete ricevere La Compostela, diploma rilasciato dalle attività ecclesiastiche, che “certifica” che avete completato il viaggio, si devono percorrere almeno gli ultimi 100 km. Se viaggiate a cavallo o in bicicletta, il percorso minimo è di 200 chilometri.

Il Cammino di Santiago in bicicletta Attrezzatura di base

Quando preparate i bagagli con tutto il necessario per fare il Cammino di Santiago, dovete attenervi ad un principio fondamentale: viaggiare leggeri. Molti degli escursionisti alla fine interrompono l’avventura e decidono di andare con altri mezzi di trasporto perché portano troppo peso. L’essenziale consiste in:

  • Uno zaino di 40 litri di capacità. Se si effettua il percorso in inverno, sarà necessario disporre di ulteriori 20 litri di volume per aggiungere indumenti necessari per combattere le basse temperature. (12 kg nella stagione fredda).
  • Scarpe da trekkingPer i momenti di riposo, infradito o altre scarpe simili.
  • Due magliette per il percorso, più una per i momenti di riposo. Tre pantaloni corti nei mesi caldi e obbligatoriamente lunghi in inverno. Inoltre, due cambi di biancheria intima e di calzettini, possibilmente senza cuciture.
  • Accessori indispensabili in qualsiasi periodo dell’anno: cappello e giacca leggera. Durante l’inverno, sono obbligatori cappello, sciarpa e guanti.
  • Sacco a pelo e un piccolo tappetino, nel caso fosse necessario dormire all’aperto o a terra.

Prodotti per l’igiene e la pulizia

Mantenendo sempre il principio di viaggiare più leggeri possibile, tutti i prodotti dovrebbero essere in formato ridotto. I prodotti di base per l’igiene consistono in sapone liquido (che si possa usare anche come shampoo), fazzoletti, carta igienica e un asciugamano.

Non dimenticate di includere la protezione solare. Allo stesso modo, è obbligatorio portare un piccolo kit con garza, benda, forbici, pinzette, antisettici (lodopovidone o betamine) e analgesico (paracetamolo).

Dove dormire

Nella maggior parte dei percorsi, sulla strada ci sono rifugi pubblici; sono spazi amministrati da municipi, diocesi o associazioni di quartiere.

Molti di questi posti sono gratuiti; tra quelli che hanno alcun tipo di tariffa, i prezzi sono molti economici (massimo 12 euro). Ognuno ha le sue proprie caratteristiche, standard e servizi, come lavanderia, cucina e docce.

Ci sono alberghi privati, locali il cui prezzo è leggermente superiore (18 euro in media). Potete anche prenotare un hotel con tutti i suoi servizi. Questa opzione si distacca dallo spirito classico del pellegrinaggio, oltre ad essere molto costosa.