Protezione solare: 3 errori da non fare

27 giugno, 2020
Nei mesi estivi, è essenziale proteggere la pelle dai raggi del sole. Quando pratichiamo sport, anche se mettiamo una crema solare possiamo commettere diversi errori che di fatto ne riducono l'efficacia, esponendoci ai danni dei raggi UV.
 

Con l’arrivo dell’estate i raggi del sole diventano più potenti, per cui aumenta anche la possibilità di scottature sulla pelle. Ciò è ancora più frequente quando si praticano degli sport all’aperto. È molto importante avere una buona protezione solare ed evitare alcuni errori che sono frequenti.

Perché è importante utilizzare una protezione solare

Il sole emette radiazioni sotto forma di onde elettromagnetiche che raggiungono la terra. Siamo in grado di differenziare uno spettro che chiamiamo luce visibile, ma al di sotto troviamo altre onde che non possiamo vedere chiamate a infrarossi, perché si trovano al di sotto del colore rosso.

Tuttavia, ci sono altri raggi, molto più potenti, che possono influenzare i nostri tessuti e produrre effetti indesiderati: sono quelli ultravioletti.

All’interno dello spettro dei raggi ultravioletti troviamo tre tipi di onde: UVA, UVB e UVC. I raggi UVC non sono pericolose, poiché sono mitigate dallo strato di ozono; invece quelli UVB raggiungono la nostra epidermide e gli UVA raggiungono il derma, uno strato ancora più profondo.

Le onde UVB sono quelle che sono maggiormente correlate alla comparsa di ustioni superficiali e cancro della pelle. Tuttavia, sono anche quelli che possiamo facilmente difendere con le creme solari.

Gli errori dell’atleta quando si protegge dal sole

Quando usciamo per praticare sport all’aria aperta ci esponiamo a tutte queste radiazioni, che sono particolarmente pericolose nei mesi di luglio e agosto, nell’emisfero settentrionale.

 
Ragazza fa surf in mare

Pertanto, dobbiamo prestare particolare attenzione durante questi mesi alla cura della nostra pelle per mantenerla il più sana possibile ed evitare la comparsa di malattie come il melanoma. Successivamente, elencheremo alcuni errori che vengono spesso commessi:

1. Non usare abbastanza protezione solare

Di solito sopravvalutiamo la protezione garantita dalla crema. Alcune persone scelgono persino di usare una crema con la protezione bassa o di non usarla affatto per abbronzarsi.

Questo è un errore, poiché potremmo danneggiare eccessivamente le cellule dell’epidermide. Dobbiamo sempre garantire che la pelle sia sufficientemente protetta, anche se ci abbronziamo più lentamente.

Un’altra questione molto importante è legata al fatto di proteggere con una crema speciale le aree più sensibili, come il viso o il collo. Infatti, ci sono delle creme speciali per queste parti del corpo, che sono più inclini a bruciarsi perché l’impatto dei raggi del sole è più diretto e si protrae più a lungo.

Altri aspetti importanti riguardano il fatto di non proteggere alcune aree perché sono coperte – come le spalle o intorno al collo – e non idratare correttamente la pelle dopo l’esercizio.

2. Non utilizzare una protezione adeguata

Molti atleti usano una semplice crema solare per proteggersi dal sole, come quella che userebbero per andare in spiaggia o in piscina. Anche se questa crema può essere utile quando camminiamo e non sudiamo molto, è molto importante considerare che il sudore riduce l’assorbimento della crema solare.

 

Pertanto, se stiamo facendo sport e sudiamo, cosa molto normale date le temperature estive, l’ideale sarebbe acquistare una crema speciale resistente al sudore.

Ragazza corre sulla spiaggia


3. Non mettere la protezione solare quando si nuota

Durante i mesi estivi, molte persone scelgono di eseguire gli esercizi nuotando in piscina. Mentre i bagnanti tendono a proteggersi a fondo con l’obiettivo di prendere il sole fuori dalla piscina, le persone che spesso vanno a nuotare spesso dimenticano la protezione della pelle.

Tuttavia, dovremmo sapere che i raggi del sole possono danneggiare ancora di più la nostra pelle se siamo sott’acqua. Di conseguenza, è necessario applicare creme speciali resistenti all’acqua per proteggerla.

In breve, la prevenzione è la misura migliore che possiamo prendere se vogliamo la giusta protezione solare. Proteggersi dal sole è indispensabile per evitare gravi problemi di salute, soprattutto in estate. Non è faticoso e faremo un enorme favore alla nostra pelle.

 
  • Apalla Z, Nashan D, Weller RB, Castellsagué X. Skin Cancer: Epidemiology, Disease Burden, Pathophysiology, Diagnosis and Therapeutic Approaches. Dermatol Ther (Heidelb) [Internet]. 2017 Jan [cited 2019 Jul 10];7(Suppl 1):5–19. Available from: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28150105
  • Saladi RN, Persaud AN. The causes of skin cancer: A comprehensive review. Drugs of Today [Internet]. 2005 Jan [cited 2019 Jul 10];41(1):37. Available from: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15753968
  • Jinna S, Adams BB. Ultraviolet Radiation and the Athlete: Risk, Sun Safety, and Barriers to Implementation of Protective Strategies. Sport Med [Internet]. 2013 Jul 9 [cited 2019 Jul 10];43(7):531–7. Available from: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23568372
  • Harrison SC, Bergfeld WF. Ultraviolet light and skin cancer in athletes. Sports Health [Internet]. 2009 Jul [cited 2019 Jul 10];1(4):335–40. Available from: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23015891