Le 4 principali cause del colesterolo alto o LDL

20 dicembre, 2019
Il colesterolo è una sostanza grassa fondamentale per le cellule, ma quando è in eccesso può accumularsi nelle arterie e causare malattie cardiovascolari. Oggi vedremo le principali cause del colesterolo alto.
 

Il colesterolo è una sostanza simile al grasso che viene sintetizzata nel fegato e fa parte della parete cellulare. È una componente essenziale sia a livello strutturale che per la genesi di numerosi ormoni, come quelli sessuali o l’aldosterone. È di due tipi: HDL e LDL. Vediamo quali sono le principali cause del colesterolo alto.

Che cos’è il colesterolo?

Il colesterolo viene trasportato da diverse lipoproteine ​​in tutto il corpo umano. Queste lipoproteine ​​possono essere, in modo semplificato:

  • HDL – high density lipoprotein: lipoproteine ​​ad alta densità. Trasportano il colesterolo accumulato nei nostri tessuti nel fegato per essere distrutti.
  • LDL – low density lipoprotein : lipoproteine ​​a bassa densità. Trasportano il colesterolo dal fegato e lo depositano nei tessuti periferici.

La lipoproteina a bassa intensità viene definita “colesterolo cattivo”. Un eccesso di LDL nel corpo causerà un maggiore deposito di colesterolo nei tessuti periferici come le arterie; in questo modo si verifica il loro restringimento.

Questa è la genesi delle placche di ateroma, che possono portare a gravi malattie cardiovascolari, come embolie polmonari o infarti miocardici acuti a causa dell’occlusione delle arterie coronarie, che riforniscono il cuore.

Le 4 principali cause del colesterolo alto

Di seguito, spiegheremo quali sono le quattro cause più comuni per le quali possiamo avere livelli elevati di LDL nel sangue e come possiamo rimediare. La premessa è di evitare le conseguenze a lungo termine del mantenimento di questi livelli elevati per un periodo di tempo prolungato.

 

1. Stile di vita sedentario, la più diffusa tra le cause del colesterolo alto

Lo stile di vita sedentario è uno dei maggiori fattori di rischio per le malattie cardiovascolari nel mondo occidentale. È un fattore di rischio potenzialmente modificabile contro il quale vale la pena combattere durante tutte le fasi della nostra vita. Uno stile di vita sedentario è anche una delle principali cause del colesterolo cattivo.

Lo stile di vita sedentario influenza il colesterolo

Il fatto di fare poca attività fisica è correlato a un più alto indice di grasso corporeo, a una maggiore resistenza all’insulina, a un maggiore perimetro addominale e, come conseguenza di tutto ciò, a una maggiore deposizione di colesterolo – LDL – nei nostri tessuti.

Per correggere questa situazione, è sufficiente iniziare a praticare una moderata attività fisica due o tre volte alla settimana. In questo modo, si riscontra un miglioramento analitico in breve tempo dei livelli di colesterolo LDL.

Non pensate che sia impossibile: aumentare progressivamente l’attività fisica creerà presto l’abitudine e otterrete tutti i benefici dello sport.

2. Dieta ricca di grassi saturi

Non seguire una dieta varia ed equilibrata e abusare di dolci industriali o alimenti ricchi di grassi saturi aumenta le componenti degli acidi grassi saturi come il colesterolo.

 

 

Pertanto, il fegato sintetizzerà più colesterolo, che verrà quindi trasportato dall’LDL nei tessuti periferici e, in particolare, nelle pareti delle nostre arterie.

Inoltre, l’abuso di questo tipo di cibo è solitamente associato allo stile di vita sedentario, quindi è molto comune che questi fattori di rischio portino all’obesità. Per correggere questa situazione, dobbiamo educare noi stessi e prendere coscienza dell’importanza di una corretta alimentazione per la nostra salute a lungo termine.

3. Fumo

Il fumo non è solo dannoso per il sistema respiratorio. Le sostanze tossiche contenute nel tabacco producono la fibrosi della parete delle arterie e ciò facilita la formazione di depositi di colesterolo.

Consumo zuccheri

4. Diabete mellito, la più grave tra le cause di colesterolo alto

Avere il diabete fuori controllo porta a mantenere alti i livelli di zucchero nel sangue. Questa situazione di iperglicemia provoca un aumento della sintesi epatica di colesterolo e del suo trasporto ai tessuti, con conseguente accumulo e formazione di colesterolo cattivo. In questo senso, una delle migliori alternative contro il colesterolo è ridurre il consumo di zucchero.

 

Dovete andare dal vostro endocrinologo perché possa prescrivervi il trattamento più appropriato per il diabete ed evitare così dei livelli di glicemia alti che, oltre all’aumento del colesterolo, possono portare ad altri sintomi indesiderati.

Il colesterolo buono

Come abbiamo spiegato, il colesterolo buono o HDL raccoglie i depositi dai tessuti e li trasporta nel fegato per convertirli nei loro elementi formali. Per questo motivo, non dobbiamo solo concentrarci sulla riduzione di LDL, ma dobbiamo anche aumentare i livelli di HDL.

L’aumento dell’HDL si ottiene mangiando grassi sani, ricchi di acidi monoinsaturi e polinsaturi. Sarà essenziale anche aumentare l’attività fisica quotidiana, poiché spesso è collegata a un miglioramento dei livelli di colesterolo HDL.

  • Linton MF, Yancey PG, Davies SS, Jerome WG, Linton EF, Song WL, et al. The Role of Lipids and Lipoproteins in Atherosclerosis [Internet]. Endotext. MDText.com, Inc.; 2000 [cited 2019 Apr 13]. Available from: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26844337
  • Fernández-Friera L, Fuster V, López-Melgar B, Oliva B, García-Ruiz JM, Mendiguren J, et al. Normal LDL-Cholesterol Levels Are Associated With Subclinical Atherosclerosis in the Absence of Risk Factors. J Am Coll Cardiol [Internet]. 2017 Dec [cited 2019 Apr 13];70(24):2979–91. Available from: https://linkinghub.elsevier.com/retrieve/pii/S0735109717412320
  • Martin SS, Blumenthal RS, Miller M. LDL Cholesterol: The Lower the Better. Med Clin North Am [Internet]. 2012 Jan [cited 2019 Apr 13];96(1):13–26. Available from: https://linkinghub.elsevier.com/retrieve/pii/S0025712512000107
  • Kokkinos PF, Fernhall B. Physical Activity and High Density Lipoprotein Cholesterol Levels. Sport Med [Internet]. 1999 Nov [cited 2019 Apr 13];28(5):307–14. Available from: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10593643