Esercizi con l’elettrostimolazione: funzionano davvero?

30 Dicembre 2019
Ci sono tendenze sempre più innovative nel campo dello sport e dell'esercizio fisico. L'allenamento con elettrostimolazione è uno di questi: scopriamolo insieme.

L’elettrostimolazione non è un concetto nuovo, poiché è stata applicata per anni in fisioterapia o nel campo della riabilitazione sportiva. In questo articolo, scopriamo insieme gli esercizi con l’elettrostimolazione. È efficace?

Cos’è l’elettrostimolazione?

Quando parliamo di elettrostimolazione, ci riferiamo all’invio di uno stimolo elettrico alle nostre fibre muscolari in modo che si contraggano involontariamente.

L’uso principale che è stato dato finora all’elettrostimolazione è stato in fisioterapia, per la riabilitazione di diverse lesioni muscolari. L’elettrostimolazione consente al muscolo di rimanere attivo quando non siamo in grado di spostarlo o contrarlo da soli.

Tuttavia, ciò di cui vogliamo occuparci oggi sono gli esercizi con l’elettrostimolazione. Ciò comporta l’invio di stimoli elettrici attraverso questi elettrodi a più fibre muscolari durante l’esercizio.

Per fare questo, dobbiamo indossare una tuta con elettrodi che copre il busto nella sua parte anteriore e posteriore. Inoltre, le cosce sono coperte per stimolare i quadricipiti e bicipiti e tricipiti a lavorare sulle braccia.

La tuta è attaccata al corpo in modo che ciascun elettrodo sia ben fissato sulla regione che si desidera stimolare durante l’allenamento. Questo è collegato a una console tramite cavi, da cui è possibile regolare l’intensità dell’impulso elettrico in base agli obiettivi perseguiti in ciascuna sessione di attività fisica.

Le sessioni di allenamento con elettrostimolazione si svolgono generalmente a intervalli di diversi esercizi. La loro durata di solito è di circa 20 minuti.

Allenarsi con l’elettrostimolazione: funziona davvero?

Nella classica pubblicità della cintura addominale con elettrodi, vediamo che una persona giace su una poltrona senza fare alcuno sforzo, per cui siamo diventati un po’ diffidenti verso questo metodo. In molti casi è visto come un “prodotto miracoloso” come tanti.

Allenamento allo specchio

Tuttavia, l’esercizio fisico con l’elettrostimolazione è un concetto relativamente nuovo che mira a migliorare i risultati. In che modo? Aumentando l’intensità del lavoro.

Allo stesso tempo, coloro che hanno provato l’allenamento con elettrostimolazione contro uno più tradizionale affermano di raggiungere una grande intensità durante l’esercizio fisico e sentimenti di adeguato sforzo fisico, anche coloro che di solito si allenano regolarmente.

Cosa dice la scienza al riguardo?

Un primo studio della durata di 54 settimane è stato condotto su una campione di donne anziane sedentarie ha confrontato un allenamento con elettrostimolazione di 3 sessioni ogni 14 giorni. L’altro gruppo era composto da persone poco attive, che eseguivano delle sessioni di allenamento leggero di 10 settimane con una sessione settimanale di 60 minuti e 10 settimane di riposo.

I risultati favoriscono il gruppo che ha subito l’elettrostumulazione. Sono stati riscontrati miglioramenti nella massa muscolare, nella forza isometrica e nella forza degli estensori del tronco, ma senza differenze nella massa grassa.

Un’altra indagine ha confrontato un gruppo di controllo che ha eseguito due sessioni settimanali di 60 minuti di esercizio cardiovascolare e di forza contro un altro gruppo che ha eseguito lo stesso lavoro, ma integrandolo con altre due sessioni di elettrostimolazione di 20 minuti. I risultati sono stati favorevoli per il secondo gruppo, con miglioramenti della forza isometrica o del volume del girovita.

Secondo Kemmler, questo tipo di allenamento è vantaggioso per le persone che hanno poco tempo per allenarsi o che hanno difficoltà a raggiungere un’alta intensità di lavoro nella loro formazione.

Controindicazioni di questo metodo

Oltre alla sua efficacia, l’uso di questa attività dovrebbe essere limitato nei seguenti casi:

  • Uso di pacemaker cardiaco, cardiopolmonare o qualsiasi altro impianto medico di supporto vitale.
  • In caso di patologie cardiache o circolatorie.
  • Durante i mesi di gravidanza.
  • L’allenamento con elettrostimolazione è estremamente utile se usato correttamente.
Elettro con smart phone

  • In caso di cancro.
  • Quando si soffre di malattie legate allo stomaco o al fegato.
  • Nei casi di epilessia o altro attacco con spasmi.

Conclusioni

Possiamo affermare che ci sono prove tangibili per cui, in alcuni casi, questo metodo di allenamento aiuta a migliorare la preparazione fisica o la salute di chi lo pratica. Per questo, dovremmo integrarlo con altre attività per ottenere risultati migliori. L’importante è sapere che, se non abbiamo tempo per l’allenamento convenzionale, gli esercizi con l’elettrostimolazione possono essere una risorsa molto utile!

  • Herrero et al., (2015). Posicionamiento de la National Strength and Conditioning Association-Spain. Entrenamiento con electroestimulación de cuerpo completo. Rev. Andal. Med. Deporte. 2015;8(4):155–162
  • Kemmler W; von Stengel S; Schwarz J; Mayhew JL. (2012) Effect of whole-body electromyostimulation on energy expenditure during exercise. J Strength Cond Res. 2012;26:240–5.
  • Kemmler W, Bebenek M, Engelke K, von Stengel S. (2014). Impact of whole-body electromyostimulation on body composition in elderly women at risk for sar- copenia: The Training and ElectroStimulation Trial (TEST-III). Age (Dordr). 2014;36:395–406.