7 consigli per superare il senso di colpa per il cibo

14 Aprile 2019
La dieta bilanciata è importante, ma il cibo non deve diventare un'ossessione. E soprattutto, bisogna superare il senso di colpa per il cibo "non sano" che mangiamo.

Sembra che mangiare un po’ di più e poi sperimentare il senso di colpa sia il disturbo alimentare del XXI secolo. I regimi alimentari e l’importanza che si dà alla forma fisica hanno un impatto psicologico sulla società attuale. Superare il senso di colpa per aver mangiato qualcosa di “proibito” è diventato un problema.

A dire la verità, tutto quello che mangiamo implica una carica calorica. Nonostante ciò, nessuna dieta che sia troppo rigida può essere buona. Alcuni nutrizionisti e allenatori affermano che ogni tanto si possa fare qualche sgarro. Ecco alcuni consigli a riguardo.

7 suggerimenti che vi aiuteranno a superare il senso di colpa per il cibo

1. Dovete conoscere il vostro fisico e i vostri limiti

Il problema con le diete non è solo rispettarle, ma anche il tipo di organismo che si ha. Per questo, è importante sapere se si ha un metabolismo veloce, ectomorfo o se, al contrario, si ingrassa facilmente.

Se avete una costituzione snella, è difficile che mangiare dei cibi grassi e calorici vi faccia prendere troppo peso. Nonostante ciò, anche nel caso di prendere dei chili con facilità, esistono dei modi per bilanciare le calorie. Riprendere immediatamente il regime è la prima cosa che si deve fare.

2. Bere un frullato disintossicante il giorno seguente

Anche se mangiate un qualcosa che non sta nel vostro piano alimentare controllato, c’è un modo per diminuirne l’effetto. Per disintossicare l’organismo, vi potete appellare ad un frullato purificante.

Frutta e verdura come il cetriolo, il crescione, l’ananas e il limone non devono mancare in questo miscuglio. 

Anche un paio di foglie di coriandolo e, ovviamente, non si deve aggiungere lo zucchero. Questo preparerà lo stomaco a pulirsi dai grassi e dagli zuccheri, stimolando l’espulsione dei residui.

frullati depurativi con verdure

3. Non contare le calorie con troppa precisione

E’ vero che siamo ciò che mangiamo. Nonostante ciò, questa non deve neanche essere una scienza esatta, perché prima di tutto siamo umani. Inoltre, ci saranno sempre delle formule per avere un buono stato fisico.

Di certo è importante tenere un registro delle quantità di cibo assunte e le calorie che ciò rappresenta. A dire la verità, all’interno del piano alimentare si deve contemplare la possibilità di sbagliare. Per essere più precisi, anche la dieta deve avere delle eccezioni.

4. Superare il senso di colpa? Saltare la dieta per un giorno può essere positivo

Le diete che ammettono certi margini di errore sono, in realtà, le più favorevoli. Ciò perché la permissione di un alimento inadeguato rende più facile rispettare la dieta.

Ci sono dei programmi con i cosiddetti “cibi trappola”. Questi implicano di rispettare un regime settimanale stretto e la possibilità di mangiare quello che si vuole un solo giorno. Ciò può essere visto come uno stimolo o un premio se si ha una buona condotta.

5. Andare in palestra e bruciare le calorie

Per riuscire a superare il senso di colpa una soluzione c’è. Tutto quello che entra nel corpo può anche uscire e, se si tratta di calorie, si possono bruciare. Mettete più energia durante gli esercizi di aerobica se avete mangiato troppo.

Molte tendenze indicano che la cosa migliore prima di tonificare è di bruciare le calorie. Dopo aver sgarrato, andate a correre o trovate un modo per sudare.

6. Sentirsi in colpa può fare in modo che si mangi di più

Mangiare quando si sta male psicologicamente è uno sbaglio nel quale incorrono molte persone. Ci sono alcune che riempiono il vuoto emotivo o cercano di superare la tristezza mangiando. Ciò indica un fatto: se vi sentite in colpa, vi nutrirete male e ripeterete l’errore varie volte.

uomo che mangia hamburger in un fast food

La cosa migliore è dimenticare semplicemente quello che è accaduto e concentrarvi nel riprendere le vostre buone abitudini alimentarie. Non dovete demotivarvi per l’errore commesso.

7. Siete degli esseri umani: non dovete punirvi per superare il senso di colpa

Infine, ricordatevi sempre che tutte le regole possono essere infrante. Prendersi cura del corpo è importante, però castigarvi non avrà mai degli effetti positivi. Non serve a niente avere un fisico meraviglioso e sentirsi frustrati, tristi o sotto pressione. Capire gli errori fa parte del condizionamento fisico, e superare il senso di colpa è sempre necessario.