I fichi: un’ottima scelta per gli atleti

20 Luglio 2019
I fichi sono frutti deliziosi, tipici dell'estate. Forse non lo sapete, ma sono anche ottimi per chi fa sport.

Nonostante siano tra i frutti più dolci e gustosi, non fanno parte di quelli generalmente usati nelle nostre tavole. In realtà, oltre a deliziare il palato, i fichi rappresentano un’ottima scelta da un punto di vista nutrizionale. L’elenco delle loro proprietà è ampio e i benefici per gli atleti non sono messi in discussione.

L’origine del fico non è del tutto chiara. Alcuni ricercatori individuano la provenienza nell’Asia centrale, altri più ad est, nell’attuale Turchia. La cosa certa è che, nella preistoria, era diffuso in tutto il bacino del Mediterraneo.

Già 9000 anni prima di Cristo, il fico veniva coltivato per il consumo umano e in seguito, nell’antica Grecia, veniva prescritto agli atleti olimpici.

C’è chi, a causa del loro alto contenuto calorico, vede il consumo di fichi con sospetto. In realtà, se vengono consumati freschi, l’apporto calorico è leggermente superiore a quello delle mele.

Fichi freschi o secchi?

Appena raccolto dall’albero, il fico si presenta come un frutto dalla buccia morbida, dalla polpa molto dolce e dai semi croccanti. Anche il suo profumo è dolce e l’aroma è inebriante. È composto per l’80% da acqua e apporta tra le 65,7 e 74 kcal per 100 g. di prodotto.

I fichi secchi sono invece il risultato di un processo di disidratazione in base al quale la quantità di liquidi si riduce fino al 30% dei liquidi originari. L’operazione è molto semplice: si schiaccia il fico con le mani e si ripone in degli essiccatori simili a quelli utilizzati per l’uva passa. In questa nuova forma (fico secco) il suo potere energetico aumenta notevolmente.

Qualcosa in più che semplice energia

Le ragioni per consumare questo tipo di alimento vanno ben oltre il suo potere energetico. Rappresenta la “chiave di volta” per quegli atleti che vogliono mantenere e migliorare le proprie prestazioni, e non importa se il fico viene consumato fresco o secco.

dolce ai fichi

Il primo dato da prendere in considerazione è il loro alto contenuto di calcio: 35 mg per 100 g. di fichi freschi e 162 mg per quelli secchi. Nessun altro frutto contribuisce all’apporto di questo minerale come il fico. Vi ricordiamo che il calcio è fondamentale per il rafforzamento dei muscoli e delle ossa.

Grazie al loro apporto nutrizionale il consumo di fichi è particolarmente indicato per prevenire le lesioni nei tessuti muscolari, le fratture ossee e nei periodi di recupero e riabilitazione.

Il calcio non è l’unico minerale di cui sono forniti. I fichi contengono anche il magnesio, 17 mg per 100 g. di prodotto fresco e 68 mg nelle cosiddette “passate di fichi”. Questo minerale è essenziale per il corretto assorbimento del calcio da parte dell’organismo.

Inoltre, contengono fosforo, ferro, potassio, sodio, zinco e manganese (del quale ci forniscono il 26% della quantità giornaliera consigliata per una persona adulta). Apportano anche le vitamine C e K e diverse vitamine del gruppo B.

I fichi per mantenere una buona salute

I fichi sono un alimento con un enorme potere antiossidante e ci permettono di ridurre al minimo l’azione dei radicali liberi.

Hanno anche proprietà anti-infiammatorie. Questo li rende un alimento ideale per alleviare il dolore e superare la fase di affaticamento muscolare dopo una gara o un allenamento molto intenso.

I benefici per il corpo derivanti dal consumo di fichi non sono limitati solamente ai muscoli ed allo scheletro. I fichi sono ricchi di psoralene, un composto organico naturale utilizzato per trattare l’eczema o la psoriasi. Quindi, fanno bene anche alla pelle, l’organo più esteso del corpo.

Inoltre i fichi contengono una quantità elevata di beta-carotene e sono utili per la salute degli occhi. Il loro alto contenuto di fibre facilita la digestione e ottimizza il transito intestinale. Per questo motivo prevengono la stitichezza.

L’assunzione regolare di fichi regola i livelli di colesterolo, migliora la circolazione sanguigna e combatte l’ipertensione. Il loro alto contenuto calorico fa nascere spesso dei dubbi sull’opportunità di introdurli in una dieta dimagrante, ma il loro potere saziante bilancia questo aspetto.

fichi e prosciutto

Come mangiarli

Consumarli come madre natura ce li offre è molto semplice.

I fichi sono molto versatili e si prestano alla preparazione di numerose e squisite ricette. Possono essere mangiati da soli o aggiunti alle macedonie (ad esempio con le albicocche o le banane), messi in un’insalata di lattuga o associati al prosciutto crudo e alla ricotta.

Quando sono secchi, possono essere mangiati per fare uno spuntino tra un pasto e l’altro, per un aperitivo o prima degli allenamenti. Ci sono tanti modi per consumare questo frutto. Qualsiasi scelta voi facciate, sappiate che apporterà dei benefici alla vostra salute.