I carboidrati fanno male alla dieta oppure no?

21 Aprile 2019
Molte persone, specialmente chi segue una dieta dimagrante, spesso si chiedono se i carboidrati fanno male. Vi sveleremo tutti i segreti di questi idrati.

Tra tutti i nutrienti, i carboidrati sono sicuramente quelli su cui si innescano le maggiori polemiche. Infatti, sia le persone che vogliono perdere peso che gli atleti si pongono spesso molte domande al rispetto. In special modo se vadano completamente esclusi dalla propria routine alimentare e se favoriscono l’aumento del peso. In questo articolo cercheremo di capire se i carboidrati fanno male oppure no.

Il primo passo è quello di comprendere meglio cosa siano questi composti chimici organici, conosciuti anche come “glucidi”. La tendenza generale è quella di considerarli come una specie di alimento proibito e che bisogna evitare a tutti i costi. Al contrario, come vederete, dire che i carboidrati fanno male non è affatto corretto, dal momento che il loro consumo è strettamente legato a un regime alimentare equilibrato e variato.

L’importanza di carboidrati

I carboidrati sono uno dei nutrienti più importanti per il corretto funzionamento del corpo. Grazie a loro viene fornita energia all’organismo, in modo che possa essere attivo e svolgere tutti i compiti necessari. Inoltre, offrono tutta una serie di vantaggi, per il corpo, come ad esempio:

  • Hanno un potere saziante. Molte persone credono che i carboidrati contribuiscano all’aumento di peso, ma in realtà è vero il contrario. Una colazione ricca di carboidrati vi farà sentire sazi, aiutandovi a rispettare i 5 pasti giornalieri e senza spingervi ad aumentare indebitamente le porzioni.
Sapete se i carboidrati fanno male

  • Contengono molte fibre. Di tutti i carboidrati vi consigliamo di scegliere il grano intero. Dal momento che mantiene tutti i suoi strati, vi offrirà un buon quantitativo di fibre alimentari. Queste, serviranno a favorire il transito intestinale e facilitare il processo digestivo.
  • Migliorano il funzionamento del sistema nervoso. I carboidrati contengono glucosio, necessario per il corretto funzionamento del cervello. Pertanto, sono particolarmente raccomandati per studenti o anziani.
  • Contribuiscono al recupero muscolare. I carboidrati sono spesso consumati da persone che fanno sport a medio e alto livello. Ciò si deve al fatto che, oltre a fornire energia e promuovere prestazioni migliori, aiutano il muscolo a recuperare più rapidamente.

Ora che conoscete, un po’ meglio i principali benefici dei carboidrati, capirete bene che sono assolutamente necessari per il corretto funzionamento dell’organismo umano. In altre parole, non è del tutto vero che sono dannosi.

Abbiamo scritto “non del tutto” perché esistono dei carboidrati che sarebbe meglio non consumare.

Lasciando a un lato gli enormi vantaggi di alimenti come il grano intero e similari, infatti, esistono delle eccezioni che vale la pena seguire, per poter pianificare la miglior dieta possibile che stimoli il vostro benessere, sia fisico che mentale.

Sono tutti uguali?

Poche persone sanno che i carboidrati non tutti sono uguali. Questo è il motivo per cui non è giusto affermare che possano essere assunti in modo indiscriminato. Per proteggere il vostro corpo è bene che impariate a differenziare i diversi tipi, sapere quali sono adatti e quali no, e anche in quali quantità è bene consumarli.

Donna mangia macedonia

La prima differenziazione indispensabile, riguarda due tipi di glucidi:

  • Carboidrati semplici: sono quelli che si trovano in frutta, verdura o latticini.
  • Carboidrati complessi: sono formati da fibra e amido.

A prima vista, tutti sono alimenti sani il cui consumo è particolarmente raccomandato. Inoltre, questi ingredienti sono una fonte di vitamine e minerali, aspetto che li rende molto comune nel regime alimentare di qualsiasi essere umano.

Il problema è che esiste un terzo gruppo di carboidrati molto malsani. Questo gruppo include i cosiddetti:

  • Carboidrati trasformati: sono composti da alimenti ultra-elaborati come quelli dei fast food, snack salati o dolci trasformati. Dal momento che si tratta di cibi contenenti grandi quantità di grassi e zuccheri, sono proprio questi quelli che assolutamente dovrebbero essere evitati.

Carboidrati: sì o no?

Tornando alla domanda che abbiamo posto all’inizio, dopo aver conosciuto tutte le proprietà e i benefici dei carboidrati, è pienamente dimostrato che sono dei nutrienti di cui l’uomo non può fare a meno. Come abbiamo commentato in altre occasioni, il corpo ha bisogno dell’assunzione di tutti i gruppi di nutrienti per poter funzionare correttamente.

L’unica cosa che dovreste tenere a mente è che non bisogna mangiarli nella stessa proporzione e che dovrebbe esserci un equilibrio tra ciò che consumate e ciò che bruciate. Questa quantità dipenderà dall’esercizio eseguito o dallo stile di vita più o meno sedentario della persona. Trovare l’equilibrio tra questi due aspetti, vi farà stare meglio con voi stessi e raggiungere il giusto peso.

Infine, ricordate che gli alimenti trasformati sono associati a grandi quantità di grassi e zuccheri, quindi sono gli unici carboidrati che dovresti bandire dalla vostra dieta. In ogni caso, non per questo motivo tutti i carboidrati fanno male: generalizzare è sempre sbagliato e specialmente in questo caso.