L’importanza della motivazione nell’allenamento

17 Novembre 2019
Quando si esegue un esercizio, per poter ottenere il massimo e raggiungere i risultati occorre mantenere sempre alta la motivazione nell'allenamento.

La parola motivazione deriva dal latino “motus” che indica, appunto, il movimento, ovvero il tendere di una persona verso un oggetto (o uno scopo) desiderato. Praticamente è il carburante che spinge l’uomo a compiere le azioni di tutti i giorni. Influenza il suo comportamento, permettendo a chiunque di raggiungere determinati obiettivi, soddisfare i bisogni e ottenere sensazioni piacevoli. Un aspetto fondamentale, in ambito sportivo, dato che la motivazione nell’allenamento è cruciale per il raggiungimento di qualsiasi risultato.

In effetti, i motivi per cui una persona decide di allenarsi possono essere molteplici. Oltre a preparare una competizione o una partita, possono riguardare il perdere peso, mantenere un buono stato di salute o semplicemente sentirsi meglio con se stesso, per esempio. Ognuno di questi rappresenta la differenza tra rimanere fermi e implicarsi nel fare qualcosa che, inevitabilmente, richiede forza di volontà e spirito di sacrificio. La motivazione nell’allenamento è tutto: consente di accettare nuove sfide e di superarle, traendo vantaggio e nuova spinta dai risultati che mano mano vengono raggiunti.

Perché è importante la motivazione nell’allenamento?

Le persone spesso iniziano a fare sport con una certa emozione. Comprano tutto il necessario per allenarsi (tuta, pantaloncini, scarpe e indumenti tecnici), ma poi finiscono per tirare la spugna, quasi subito. Come mai? A cosa si deve questo approccio fugace? Quando viene a mancare la motivazione nell’allenamento, l’effetto negativo che viene prodotto è doppio. In questi casi, parliamo di “obbligo” e “fallimento”.

Coach dà motivazione nell'allenamento

Sebbene non si parli molto dell’importanza della motivazione nell’allenamento, in realtà incide moltissimo sulle prestazioni di ogni persona, specialmente se non si tratta di atleti professionisti, abituati a dare sempre il massimo. Sentirsi obbligati a correre, svolgere esercizi o sollevare pesi non è una forma di motivazione sana. Al contrario, è un modo per perderla. Ogni forzatura servirà solamente a bloccare l’individuo, costringendolo a svolgere un’attività che non lo fa sentire a proprio agio e, per giunta. assai faticosa.

Se, da un lato, per sua natura l’essere umano cerca di ridurre al massimo gli sforzi per ottenere ciò che vuole, la società in cui viviamo è quella del “tutto e subito”. Ci sono pillole e rimedi miracolosi per qualsiasi cosa, un aspetto che svuota di significato parole come “sforzo” o “sacrificio”. Accanto alla sensazione di obbligo, descritta poc’anzi, può verificarsi anche una mancanza di motivazione derivante dal fallimento.

Non riuscendo a vedere risultati immediati, addirittura nel primo giorno di allenamento, molte persone perdono interesse nell’attività fisica. Sono incapaci di trovare senso in ciò che fanno e, lentamente, cominciano a ridurre il numero di ripetizioni, arrivano tardi in palestra o, direttamente, saltano gli allenamenti. Come vedete, senza motivazione nell’allenamento, è davvero complicato riuscire ad andare avanti.

La risposta è dentro di voi

L’elemento fondamentale che dovete tenere a mente è che siete voi, la vostra stessa motivazione. Cioè, l’andamento delle cose, l’approccio prima e durante l’esercizio, sta nelle vostre mani. Se iniziate a notare i primi segnali di una possibile perdita di motivazione, dovrete necessariamente intervenire e fare qualcosa per ripristinarla. I soli responsabili del fallimento siete voi stessi: ecco perché è importantissimo saper identificare le cause della demotivazione. In tal modo, potrete lavorare su di esse.

Ad esempio, ci saranno alcuni giorni in cui i risultati dell’allenamento non saranno soddisfacenti, ma ciò è assolutamente normale. Ma se l’attività fisica, giorno dopo giorno, diventa sempre più qualcosa di pesante e noioso, allora dovrete fare qualcosa al riguardo. Prestate attenzione ai piccoli dettagli, parlate con voi stessi e chiarite cosa c’è che non va. Questo è l’unico modo per poter superare eventuali ostacoli mentali.

Come vedremo di seguito, esistono diversi moti che vi permetteranno di mantenere alta la motivazione nell’allenamento. Ma tutto nasce sempre da una grande volontà di cambiamento, che parte dal desiderio di cambiare in meglio la propria vita. Partendo dall’accettare che, per ottenere un qualsiasi risultato, occorrono sudore e costanza.

Per vincere serve la motivazione nell'allenamento

Come trovare la giusta motivazione nell’allenamento

Non sottovalutate mai la motivazione nell’allenamento. L’obiettivo è trovare l’ispirazione giusta che vi consentirà di iniziare, affrontare e analizzare correttamente il vostro sforzo fisico. Tenere a mente i propri obiettivi, saper riconoscere i propri gusti e i propri limiti, oltre che contare sull’appoggio esterno sono alcuni dei punti chiave per poter mantenere livelli di motivazione costanti.

  • Visualizzate ciò che volete ottenere.
  • Includete gli aspetti quotidiani relativi all’esercizio.
  • Fate esercizi che vi piacciono o che considerate più divertenti.
  • Stringete amicizia con chi si allena assieme a voi.
  • Evitate il confronto con altre persone.
  • Siate chiari sugli obiettivi, stabilendoli in maniera realistica.
  • Non prestate attenzione ai commenti negativi.
  • Uscite dalla routine e fate qualcosa di diverso, di tanto in tanto.

La motivazione è il cuore di questo sistema che inizia a muoversi. Se il cuore non funziona, il sistema si ferma. Quindi, dovrete fare del vostro meglio per allenarvi sempre al massimo, dando tutti voi stessi. Inoltre, i vostri livelli di motivazione saranno facilmente riscontrabili nelle prestazioni sportive, così come nel vostro stato d’animo e nella passione con cui svolgerete gli esercizi.

Dominare la vostra mente vi permetterà di ottenere qualsiasi risultato. Non lasciate che la mancanza di motivazione vi allontani dai vostri obiettivi, siano essi sportivi o esistenziali. Dimostrate di cosa siete fatti e affrontate le sfide dello sport (e della vita) con la maggiore motivazione possibile!

  • Maslow, A. H. (1943). A theory of human motivation. Psychological Review50(4), 370–396. https://doi.org/10.1037/h0054346
  • Deci, E. L., & Ryan, R. M. (2008). Self-determination theory: A macrotheory of human motivation, development, and health. In Canadian Psychology(Vol. 49, pp. 182–185). https://doi.org/10.1037/a0012801
  • Gagné, M., & Deci, E. L. (2005). Self-determination theory and work motivation. Journal of Organizational Behavior26(4), 331–362. https://doi.org/10.1002/job.322
  • Wann, D. L., Schrader, M. P., & Wilson, A. M. (1999). Sport fan motivation: Questionnaire validation, comparisons by sport, and relationship to athletic motivation. Journal of Sport Behavior22(1), 114–139. https://doi.org/Article