Benefici di correre in montagna: ecco quali sono

· 12 Aprile 2019
Oltre che in palestra o in città, si può fare running anche all'aria aperta. Oggi ci dedicheremo a parlarvi dei grandi benefici di correre in montagna.

Se vi piace la corsa ed è una disciplina sportiva che amate praticare spesso, probabilmente vi piacerebbe provare nuove sfide. Un’idea è quella di iniziare a mettervi alla prova anche su superfici diverse dal normale asfalto o la pista, recuperando magari il contatto con la natura. Per motivarvi a prendere questa decisione e iniziare ad allenarvi anche su terreni naturali di maggiore altitudine, in questo articolo vi parleremo dei benefici di correre in montagna.

Scoprirete che si tratta di un’attività ideale per liberare la mente e godersi l’ambiente naturale. Tra i vari benefici di correre in montagna, tenete presente che vi aiuterà a ridurre l’ansia, rompere la monotonia ma, soprattutto, a fuggire dal ritmo frenetico e dallo stress delle grandi città. Come se ciò non bastasse, i vantaggi della corsa interessano anche il corpo, soprattutto a livello cardiovascolare.

Se desiderate avvantaggiarvi dei benefici di correre in montagna, ricordate di farlo sempre quando c’è una buona illuminazione e le condizioni climatiche sono ideali. Altrimenti, potreste andare in contro a diverse problematiche. Dalle lesioni agli infortuni muscolari, fino alla perdita dell’orientamento, l’ipotermia, e via dicendo.

In ogni caso, la corsa in montagna è eccezionale perché permette a chiunque di godersi il silenzio della natura, osservare panorami unici e respirare aria fresca, mentre si fa sport e ci si mantiene in forma.

5 benefici di correre in montagna

1. Il contatto con la natura: aria fresca e viste uniche

Non c’è dubbio che questa attività fisica vi permetterà di immergervi in un ambiente ideale e godervi il ​​piacere di correre mentre stimolate i muscoli e nutrite la vista.

In termini di salute, le zone di montagna sono tendenzialmente meno inquinate della strade delle città. Quindi, correre in questi paesaggi vi consentirà di migliorare le vostre prestazioni. Vedrete che, una volta terminata la routine di allenamento, vi sentirete molto meglio e più rilassati!

Correre in montagna fa bene

2. Allenamento al top

Dato che questo tipo di terreno non è lineare e completamente orizzontale, come l’asfalto, le piste o il tapis roulant, sarete chiamati ad affrontare salite e discese di differenti pendenze. Anche i cambi di andatura e direzione saranno molteplici, a causa dell’improvviso cambio dei livelli. Un altro dei benefici di correre in montagna è che, percorrendo questi tracciati eterogenei, rafforzerete ulteriormente i muscoli. Ciò, vi aiuterà a sviluppare forza e potenza in misura maggiore, con conseguenze positive una volta che ritornerete a correre in pianura.

I gruppi muscolari, specialmente quelli del treno inferiore, aumenteranno di volume e si adatteranno alle diverse inclinazioni del terreno. Anche la velocità esplosiva verrà aumentata, dato che spesso dovrete evitare degli ostacoli naturali improvvisi. Dopo diversi giorni di allenamento in montagna, noterete che i vostri tempi di corsa miglioreranno notevolmente, sulle superfici piane.

3. Aria pura per polmoni potenti

Correre in montagna vi consente anche di allontanarvi dallo smog dei centri urbani, il che rende più facile aumentare il volume e l’intensità dell’allenamento. Il vostro apparato respiratorio potrà giovarsi dell’aria fresca di montagna, evitando di filtrare le dannose emissioni di monossido di carbonio che riempiono le città.

4. Uno sport che coinvolge più muscoli

A differenza della corsa sull’asfalto, come la maggior parte dei corridori sanno, correre in montagna cambia il modo di appoggiare i piedi sul terreno. Ciò farà si che vengano chiamati in causa diversi muscoli che, di solito, non vengono ugualmente sollecitati.

Per via dei continui cambiamenti di scenario che i sentieri di montagna possono offrire, questo tipo di disciplina consentirà un lavoro più funzionale del vostro corpo. Ovviamente ciò produrrà benefici quando poi tornerete in pista o sull’asfalto.

Oltre a far lavorare gruppi muscolari che non sapevate nemmeno che esistessero, parallelamente riuscirete a sviluppare maggiore resistenza. Inoltre, in montagna, i glutei lavoreranno in misura maggiore rispetto alla corsa in pianura, poiché il piede verrà alzato di più, rispetto ad un tracciato cittadino o il tapis roulant.

Tutto ciò senza scordare che la parte superiore del corpo tende maggiormente in avanti, per affrontare le salite e bilanciare l’equilibrio. Questa postura vi consente di lavorare i muscoli della schiena, delle braccia e delle spalle.

Due corrono sulla sabbia

5. Riuscirete a bruciare più calorie

L’ultimo dei benefici di correre in montagna, di cui vi parliamo oggi, interesserà particolarmente coloro che stanno seguendo una dieta e desiderano perdere i chili di troppo. Il maggiore sforzo per l’elevazione e l’altitudine aiuterà il vostro corpo a bruciare una maggior quantità di calorie. Se volete perdere peso più velocemente, grazie alla corsa in montagna eliminerete la massa grassa molto più velocemente, eseguendo un allenamento ad alta intensità.

In breve, correre in montagna vi aiuterà ad avere una mente e un corpo sani, oltre a fornire numerosi benefici. Se amate la corsa, questa alternativa può essere l’ideale per rompere la monotonia e godervi il vostro sport preferito in un ambiente naturale.

Non dimenticate di scaldarvi adeguatamente e fare stretching in modo adeguato, sia prima che dopo ogni allenamento. In caso di infortunio, è necessario riprendere gradualmente l’attività, favorendo la pratica su terreno pianeggiante ed evitando le corse in discesa.

  • Ferris, D. P., Louie, M., & Farley, C. T. (1998). Running in the real world: Adjusting leg stiffness for different surfaces. Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences, 265(1400), 989–994. https://doi.org/10.1098/rspb.1998.0388
  • McMahon, T. A., Biewener, A. A., Kerdok, A. E., Weyand, P. G., & Herr, H. M. (2015). Energetics and mechanics of human running on surfaces of different stiffnesses. Journal of Applied Physiology, 92(2), 469–478. https://doi.org/10.1152/japplphysiol.01164.2000
  • McMahon, T. A., & Greene, P. R. (1979). The influence of track compliance on running. Journal of Biomechanics, 12(12), 893–904. https://doi.org/10.1016/0021-9290(79)90057-5