Andare a correre: meglio in città o in campagna?

3 Marzo 2019
Se vi piace andare a correre, di sicuro avrete valutato pro e contro dei diversi spazi nei dintorni di casa dove potere svolgere questa attività. In questo articolo metteremo a confronto due dei luoghi più popolari.

Vi siete messi di impegno quest’anno e vi siete detti: “vado a correre”, da sola, con il vostro compagno o con la vostra migliore amica. Una delle domande più frequenti sul running ha a che vedere con il luogo in cui praticarlo. Meglio l’ambiente urbano o un paesaggio naturale, per andare a correre?

I pro di andare a correre in città

Nella vostra lista degli obiettivi per il nuovo anno avete scritto: andare a correre tutti i giorni, o almeno qualche volta a settimana. Avete acquistato gli indumenti più indicati, avete tutta la motivazione possibile concentrata sull’esercizio..ma ecco che sorge un dubbio: va bene andare a correre in centro città?

Ovvio: molte persone vanno a correre al parco. Vedete quelli che corrono alle prime luci del mattino in estate ma anche quelli che lo fanno a mezzogiorno in inverno e pensate che anche voi volete fare lo stesso..tuttavia, prima di iniziare, vi consigliamo di fare attenzione alle caratteristiche del running in città.

1. Comodità

Se vivete in città, stare comodi vuol dire semplicemente vestirsi e andare a correre, senza nemmeno dover avere un parco nelle vicinanze.

2. Allenamento mirato

Potrete evitare ostacoli – come, ad esempio, persone, cuccioli, auto e così via- e allenarvi tonificando gambe e caviglie.

3. Percorsi sempre diversi

Avete a disposizione tutta la città, tanto da poter variare le strade da prendere e i percorsi. In questo modo non vi annoierete..sarà più divertente di fare tapis roulant in palestra!

4. Addio allo stress

Forse uno dei motivi per cui vi siete dette “andiamo a correre” è perché siete troppo stressati a causa del lavoro o dei problemi quotidiani. La buona notizia è che il running ha il potere di cancellare il cattivo umore, l’ansia, la tristezza o l’ira, visto che aiuta il corpo a produrre i cosiddetti “ormoni della felicità”.

Svantaggi del running in città

Di sicuro, come tutto in questa vita, il podismo urbano non è piacevole né positivo al 100%. Di conseguenza, dobbiamo anche considerare gli svantaggi di correre in città: 

1. Inquinamento

Anche recandovi a un parco, quel “polmone verde” così necessario, vi trovereste a contatto con lo smog e con il fumo che vi circondano.

andare a correre in città

2. Traffico

Attraversare la strada può essere una vera avventura quando facciamo running in città. Per questo motivo, consigliamo di non scegliere strade particolarmente trafficate, soprattutto se vi piace allenarvi mentre ascoltate musica o conversare con il vostro “compagno di corsa”.

3. Persone ovunque

Se vivete in una grande città, saprete di certo che non è possibile stare da soli in nessun posto..tantomeno se siete in movimento, mentre vi allenate. Schivare gente può essere una scocciatura mentre si corre, soprattutto se gli spazi sono ridotti.

4. Superfici poco “affidabili”

In città non resta altra opzione se non quella di correre sull’asfalto, una superficie dura che può danneggiare le articolazioni delle caviglie e delle ginocchia. Potete cercare, in alternativa, un posto in cui sia permesso fare running sui prati o sul terreno, sebbene in molte città non sia consentito.

I vantaggi di andare a correre in campagna

Passiamo adesso alla seconda opzione per fare running in questa stagione. Andare a correre in campagna ha, ovviamente, i suoi pro e i suoi contro. Questi sono alcuni dei punti a favore:

1. Contatto con la natura

La prima cosa da sottolineare dell’attività fisica all’aperto in un ambiente naturale è che ci ritroviamo a profondo contatto con gli alberi, le piante, gli uccelli, il fiume, la montagna e con tutto ciò che questo comporta. 

Se siete davvero stanchi della città e dei suoi ritmi, allenarsi all’aperto può essere un’ottima idea.

2. Superfici morbide e dislivelli

Per evitare infortuni ai talloni, ai piedi o alle ginocchia, consigliamo di allenarvi su superfici morbide, come un prato o un terreno. Proprio quello che offre la campagna e i suoi dintorni! Fate attenzione alle zone rocciose, perché potreste ferirvi.

Alcuni svantaggi di andare a correre in campagna

Ovviamente, come già fatto nel caso della città, dobbiamo sottolineare anche alcuni “contro” del running in campagna:

1. La distanza

Se il vostro scopo è seguire un allenamento settimanale di running in campagna, dovrete viaggiare fino al luogo scelto o trasferirvi lì, con tutto ciò che questo comporta.

correre in montagna

Non sempre, infatti, abbiamo la campagna a disposizione per andare ad allenarci ogni volta che vogliamo. Aspettare solo le vacanze o il fine settimana per andare a correre non è una buona idea, visto che non ci dà la frequenza minima necessaria.

2. Mancanza di provviste

Se stiamo correndo in città e finiamo la nostra riserva di acqua, possiamo entrare in una bottega e comprarla. La stessa cosa se ci facciamo male o abbiamo un incidente: in qualche minuto arriverà l’ambulanza o un poliziotto ad assisterci. Questo non succede in campagna, in quanto luogo isolato e lontano dalle comodità e da qualunque tipo di aiuto di cui dovessimo avere bisogno.

In sintesi, la questione non è scegliere tra la città e la campagna per andare a correre. Potete arricchire l’allenamento e godere di entrambi i panorami, a seconda del periodo dell’anno o del giorno della settimana. 

  • Easthope, C. S., Nosaka, K., Caillaud, C., Vercruyssen, F., Louis, J., & Brisswalter, J. (2014). Reproducibility of performance and fatigue in trail running. Journal of Science and Medicine in Sport. https://doi.org/10.1016/j.jsams.2013.03.009