Catabolismo muscolare: cos’è e come prevenirlo

3 Gennaio 2020
Il catabolismo è un processo in cui i tessuti si consumano per ottenere energia. In alcune occasioni, ciò può verificarsi nei muscoli, quindi dobbiamo evitarlo a tutti i costi.

All’interno dei processi biochimici che si verificano nel nostro corpo a livello cellulare ce ne sono due che sono molto importanti, entrambi legati al metabolismo. Si tratta di catabolismo e anabolismo. Sono processi antagonisti ed entrambi possono influenzare il nostro corpo, specialmente i muscoli. Ecco perché è importante sapere cos’è il catabolismo muscolare e perché dovremmo evitarlo a tutti i costi.

Catabolismo e Anabolismo

Catabolismo e anabolismo sono due processi metabolici fondamentali che si verificano nel corpo a livello microscopico. In questo articolo, cercheremo di definire brevemente in cosa consiste ciascuno di essi.

Anabolismo

L’anabolismo è costituito dalla sintesi di nuovi tessuti e richiede sempre un apporto energetico. Si chiama anche biosintesi.

A livello muscolare, le reazioni anaboliche sono quelle che provocano la creazione di nuovo tessuto muscolare o l’aumento delle dimensioni di quello esistente. Ciò richiede sempre energia, perché queste reazioni sono “costose” per l’organismo. Per questo motivo, le diete per aumentare la massa muscolare si basano su un surplus calorico.

Catabolismo

Il catabolismo è il processo inverso all’anabolismo. In questo caso, il tessuto esistente viene distrutto per ottenere energia da esso. Un esempio di queste reazioni è la combustione dei grassi, in cui si verifica un catabolismo del tessuto adiposo allo scopo di ottenere l’energia di cui l’organismo ha bisogno in situazioni di deficit calorico.

Tuttavia, in alcune situazioni che spiegheremo di seguito, il catabolismo può verificarsi nel tessuto muscolare, con la conseguente perdita di massa magra.

Catabolismo muscolare: di cosa si tratta

Il catabolismo muscolare si verifica in situazioni in cui il corpo ha elevate esigenze energetiche e ha bisogno di distruggere i tessuti per ottenere energia a sue spese. Normalmente questa energia proviene solitamente da glicogeno o grassi, ma quando sono richieste elevate quantità, il corpo non è in grado di discriminare la fonte da cui ottenerlo. Per questo motivo, comincia ad usare tutte le vie possibili per ottenere energia più o meno contemporaneamente.

È importante notare che in tutte le diete finalizzate alla definizione si verifica un leggero catabolismo muscolare, a causa della situazione di deficit energetico. Per questo motivo, uno degli aspetti più importanti di queste diete è ridurre al minimo il catabolismo, al fine di preservare la massa muscolare.

Allenamento con i pesi

Ciò può essere ottenuto aumentando l’intensità e riducendo il volume del nostro allenamento con i pesi e d inoltre aumentando l’assunzione giornaliera di proteine. Fondamentalmente, il catabolismo muscolare è causato dalla necessità del corpo di ottenere energia.

Quando si verifica il catabolismo muscolare

Elenchiamo alcune situazioni in cui si verifica il catabolismo nel tessuto muscolare. In questo modo, è sarà più facile evitarlo per preservare i muscoli, soprattutto se seguiamo una dieta ipocalorica.

  • Diete estreme per la perdita di peso, specialmente se sono diete ipoproteiche o “diete miracolose” come la dieta Dukan.
  • Lunghi periodi di inattività in cui il muscolo non viene stimolato.
  • Malattie che possono causare malnutrizione, come la celiachia o la fibrosi cistica.
  • Non riposarsi adeguatamente.
  • Situazioni di elevato stress emotivo.
  • Disequilibrio ormonale, associato o meno a uno dei motivi sopra indicati.

Come possiamo prevenire il catabolismo muscolare?

Per prevenire il catabolismo muscolare, la cosa più importante è sapere in quali situazioni si verifica e, ovviamente, evitarle il più possibile. Una volta che queste situazioni si sono verificate, possiamo prendere alcune misure per minimizzare il catabolismo, come di solito si fa nelle diete dimagranti.

Regolare il deficit energetico

I grandi deficit calorici – 500 o più al di sotto del tasso metabolico di base – producono una maggiore perdita di massa muscolare. Invece, i deficit più stretti ci aiuteranno a preservare la massa muscolare, anche se la perdita di grasso è più lenta.

Donna si allena in palestra

Eseguire allenamenti più intensi

Contrariamente a quanto si possa pensare, eseguire allenamenti ad alta ripetizione con poco peso è dannoso per i muscoli, poiché stiamo eliminando lo stimolo causato dai carichi elevati.

Al contrario, è consigliabile ridurre il volume e allenare gli intervalli di forza, concentrandosi su quattro o cinque esercizi multi-articolari composti come lo squat e il press su panca.

Aumentare l’assunzione di proteine

Infine, aumentare la quantità di proteine ​​da assumere ogni giorno riduce notevolmente la perdita di massa muscolare. Si consiglia, per le diete di definizione, di assumere più di due grammi per chilogrammo di peso corporeo. Ad esempio, una persona che pesa 70 kg dovrà consumare circa 140 grammi di proteine ​​al giorno.

In breve, tutte queste misure possono aiutarci a ridurre il catabolismo muscolare. Dobbiamo tenere presente che l’aiuto di un professionista è essenziale per prendere qualsiasi decisione, in particolare quelle relative al cibo.

  • Dardevet D, Rémond D, Peyron M-A, Papet I, Savary-Auzeloux I, Mosoni L. Muscle wasting and resistance of muscle anabolism: the “anabolic threshold concept” for adapted nutritional strategies during sarcopenia. Scientific World Journal [Internet]. 2012 [cited 2019 Jul 10];2012:269531. Available from: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23326214
  • Lindsay DB. Relationships between amino acid catabolism and protein anabolism in the ruminant. Fed Proc [Internet]. 1982 Jul [cited 2019 Jul 10];41(9):2550–4. Available from: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/6123449
  • McCarthy JJ, Esser KA. Anabolic and catabolic pathways regulating skeletal muscle mass. Curr Opin Clin Nutr Metab Care [Internet]. 2010 May [cited 2019 Jul 10];13(3):230–5. Available from: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20154608