Ecco come si fa il rovescio a tennis

30 Aprile 2019
Il rovescio è una battuta classica a tennis ed è la base del gioco in attacco di molti atleti. Serve per spiazzare l'avversario e permette di arrivare alla rete per fare il punto.

Oggi analizziamo una delle battute più difficili da dominare quando si inizia a giocare a tennis: il rovescio. Tra i tennisti che si sono fatti notare per il loro rovescio ci sono: Roger Federer, Novak Djokovic e Stan Wawrinka.

Ecco come si fa il rovescio

In questa battuta è molto importante la posizione del corpo. Non bisogna posizionarsi di fronte alla rete, ma la posizione più consigliata è quella laterale, con la spalla verso la rete.

È importante, come nel dritto, che il peso del corpo vada da dietro in avanti nel momento dell’impatto con la palla.

Ecco com'è il rovescio

Il gioco dei piedi è praticamente lo stesso del dritto, ma ci sono alcune differenze:

  • Nelle battute di fondo, il piede in avanti tende ad incrociarsi per avere un maggior appoggio ed equilibrio.
  • In situazioni limite, il piede in avanti si incrocia lateralmente in modo esagerato, senza permettere la rotazione del corpo, rendendo praticamente impossibile il recupero.
  • Generalmente si batte il rovescio con i piedi in avanti, quando la palla si dirige direttamente verso il corpo e non c’è tempo per muoversi.

L’impugnatura per realizzare le battute di rovescio, tanto piano che liftato, è l’impugnatura Eastern.

Questa impugnatura ha come principale vantaggio il trasferimento del peso in modo ottimale e di conseguenza l’impatto è migliore.

L’inconveniente di realizzare il rovescio con questa impugnatura è che bisogna cambiarla per realizzare qualsiasi altra battuta, quindi il giocatore deve essere veloce al momento di cambiare la presa della racchetta.

Consigli per realizzare una buona battuta di rovescio a tennis

Per realizzare un’adeguata battuta di rovescio a tennis bisogna seguire alcuni passi che vi aiuteranno ad effettuare un buon tiro:

  • Per avere una corretta posizione d’attesa, il corpo deve avere una leggera inclinazione oltre che afferrare la racchetta con l’impugnatura Eastern.
  • Il secondo passo è di muovere la racchetta dietro al corpo, dove si forma un arco all’altezza della testa. Inoltre la posizione del corpo al momento di colpire, deve essere laterale.
  • Nel momento della battuta di rovescio, la racchetta deve seguire un movimento da dietro verso avanti, leggermente ascendente. Le corde della racchetta devono essere leggermente aperte per riuscire a passare la rete.
  • Infine, il finale del rovescio deve avere il peso del corpo in avanti per poter realizzare un colpo offensivo.
Vari tipi di rovescio a tennis

Tipi di rovescio

Questo tipo di battuta si può fare in diversi modi per dare alla palla diversi effetti. Come prima cosa la battuta di rovescio piano è quella con una minor carica d’effetto, da qui il suo nome.

Viene utilizzata in situazioni d’attacco, quando la palla è più alta della rete e quindi si può colpire dall’alto al basso: battuta realizzata per guadagnare un punto.

Un altro effetto che si può imprimere al rovescio è il liftato. Questa battuta ha una carica d’effetto ascendente per riuscire a superare la rete e successivamente cadere al centro del campo.

Per realizzare questo rovescio si deve mettere la testa indietro ed in basso e terminare il colpo in avanti e in alto. Con questo movimento si ottiene una traiettoria a parabola nella quale la palla realizzerà un rimbalzo molto difficile da poter rispondere.

Infine esiste il rovescio tagliato o rovescio in back , battuta difensiva per eccellenza. È il rovescio più lento dei tre dove la testa della racchetta va dietro e in alto, verso il basso e in avanti.

Questo movimento della racchetta ha un effetto in cui la palla fa una rotazione indietro, come conseguenza, dopo il rimbalzo della palla questa non va in alto.

Le situazioni nelle quali si può usare questo tipo di rovescio sono per battere il servizio successivo, situazioni molto forzate o per esempio per realizzare una lasciata come colpo offensivo.