Tendinopatia glutea nei giocatori di hockey

22 marzo, 2019
La tendinopatia glutea è una condizione che colpisce molti sportivi, tra questi i giocatori di hockey. In questo articolo, vi spieghiamo tutto quello che c'è da sapere su questa affezione che colpisce il tendine.
 

La tendinopatia glutea è la causa più comune del dolore laterale del fianco. Di fatto, questa affezione è molto frequente in alcuni sport, come nel caso dell’hockey. Come riconoscerla e trattarla?

Certamente, questa condizione debilita gli atleti e gli sportivi, specialmente i corridori ed i giocatori di hockey. Si manifesta come un dolore sul grande trocantere che può estendersi giù, verso il muscolo laterale.

Come in altre condizioni dolorose, il trattamento efficace della tendinopatia glutea sta nel fare una corretta diagnosi. Il miglioramento della prevenzione ed i risultati futuri per chi ne soffre, vengono sostenuti dai progressi negli esami diagnostici, una miglior comprensione dei fattori di rischio ed i programmi per la ripresa.

Fare una diagnosi di tendinopatia glutea può essere difficile. Di fatto, si deve fare un‘analisi minuziosa dell’anca, della schiena e del bacino per determinare se la causa principale del dolore è situata nel grande trocantere o lontano da questo. La patologia locale sintomatica può coesistere con fonti più distanti.

Gli studi considerano che la tendinopatia glutea è la principale causa del dolore all’anca. Questa condizione prevale nelle donne in menopausa ed ha una considerevole influenza negativa nella qualità della vita.

Tendinopatia glutea nei giocatori di hockey

Generalmente, la tendinopatia glutea si manifesta quando il tendine risponde ad un aumento veloce del carico. Nei giocatori di hockey può avvenire in seguito ad un considerevole aumento della percorrenza, ad una riduzione dei giorni di riposo o ad un cambiamento nel tipo di allenamento svolto.

 

I tendini del gluteo sono le fibre resistenti che connettono il muscolo gluteo con l’osso del fianco. Una lesione al tendine può sembrare che avvenga all’improvviso; nonostante ciò, in generale, è il risultato di molte piccole lesioni nel tendine che sono avvenute nel tempo.

I tendini sono progettati per sopportare un carico grande e ripetitivo. Nonostante questo, se il carico che si applica al tendine è troppo grande, la zona comincia a stressarsi.

diagnosi di tendinopatia glutea
Imagen: topdoctors.es

Quando accade, i tendini formano piccole lesioni che favoriscono l’infiammazione e che si possono curare velocemente.

Quindi, se il carico si applica continuamente al tendine, queste lesioni possono eccedere il proprio tasso di riparazione. Il danno peggiorerà progressivamente, causando dolore e disfunzione. Il risultato allora sarà una tendinite o tendinopatia.

Per questo si raccomanda di far riposare l’area dolorante ed evitare ogni attività che faccia peggiorare il dolore. Inoltre, è consigliabile fare esercizi dolci di movimento del fianco e stretching, per evitare la rigidezza.

Come fare

L’attività sportiva, per lo più, si può continuare a svolgere in qualche modo, sempre che si evitino o minimizzino i movimenti che possono causano più dolore.

 

Tuttavia, per i giocatori di hockey che soffrono di tendinopatia glutea, questo può significare la sospensione temporanea delle corse a lunga distanza, la diminuzione del ritmo della corsa, evitare di correre in pendenza o fare alcuni esercizi.

Oltre alle limitazioni del caso, si possono sempre svolgere attività alternative come gli esercizi in acqua o il ciclismo.

È probabile che il controllo di carica di trazione e compressione sia una componente chiave per recuperare in fretta. Istituire un carico restauratore, attraverso un programma di carico di trazione precoce che include posizioni di adduzione minima dell’anca, permetterà di ridurre il dolore e migliorare la capacità di carico di trazione del tendine.

esercizi riabilitativi per la patologia

Gli esercizi di rafforzamento, insieme al lavoro specifico per incorporare ciò che è stato guadagnato nel movimento funzionale e per rieducare il movimento e la postura a livelli di difficoltà di grado appropriato per l’individuo, saranno probabilmente le chiavi della riabilitazione.

Prima di terminare, vi ricordiamo che è sempre molto importante valutare la limitazione funzionale e i livelli di malessere. I pazienti riferiscono dolore con attività di carico unico, come camminare e salire o scendere le scale.

 

Come avrete potuto osservare, ogni persona può soffrire una lesione al tendine; tuttavia, quelle che compiono gli stessi movimenti più volte nel loro lavoro, sport o attività giornaliera, hanno più probabilità di danneggiarlo. Se credete che potete soffrire di questo problema, consultate il medico quanto prima per avere una diagnosi precisa.

  • Mellor, R., Grimaldi, A., Wajswelner, H., Hodges, P., Abbott, J. H., Bennell, K., & Vicenzino, B. (2016). Exercise and load modification versus corticosteroid injection versus “wait and see” for persistent gluteus medius/minimus tendinopathy (the LEAP trial): A protocol for a randomised clinical trial. BMC Musculoskeletal Disorders17(1). https://doi.org/10.1186/s12891-016-1043-6