Le chiavi per tornare ad allenarsi con successo

20 Giugno 2019
Tornare ad allenarsi dopo un periodo di inattività non è mai facile, e spesso porta a una serie di frustrazioni derivate dal calo delle prestazioni, ma non disperare è fondamentale

Dopo un periodo di riposo, è ora di tornare alla vecchia routine. Ma spesso “fra il dire e il fare, c’è di mezzo il mare”, come si suol dire. In questo articolo, vi sveleremo le chiavi per tornare ad allenarsi con successo.

Per riprendere l’allenamento dopo un periodo di pausa, volontaria o non, o dopo le vacanze, avete bisogno di più del desiderio e della forza di volontà. Disciplina, ordine e perseveranza fanno parte delle chiavi per tornare ad allenarsi con successo.

Le chiavi per tornare ad allenarsi con successo

Pianificare l’allenamento è una delle chiavi per tornare ad allenarsi

Raramente viene preso in considerazione, ma è molto importante pianificare l’allenamento, senza dimenticare che i periodi di svago sono sempre lì. Ci sono anche quelli che vanno oltre e sottolineano che questi giorni di non fare nulla o di cambiare radicalmente le routine sono assolutamente necessari. È una questione di salute e benessere.

Programmare l'allenamento

Pertanto, passare una, due o anche tre settimane senza esercizio fisico deve essere parte della pianificazione generale per un anno intero. Inoltre, molto probabilmente il corpo e la mente finiscono per ringraziare questo periodo per “disconnettersi” dal lavoro ordinario.

Non esagerare con il cibo

Ciò che non dovrebbe cambiare radicalmente durante queste pause sono alcune abitudini. La più importante di tutti: l’alimentazione. Anche durante le vacanze, dovete prendervi cura della linea, per non vanificare gli sforzi fatti durante l’anno.

Mentre è vero che mangiare molti piatti che sono spesso “vietati” durante il resto dell’anno fa parte del fascino delle vacanze, occorre moderazione ad ogni pasto.

Questo è un aspetto che va oltre i concetti come “mantenere la linea” o evitare il sovrappeso. Non è coerente con un piano globale di allenamento fisico mangiare durante una, due o tre settimane solo cibi che non apportano nulla di positivo all’organismo.

Prefissarsi degli obiettivi chiari e soprattutto realistici

Sia che si inizi da zero o che si riprenda la formazione, gli obiettivi dovrebbero essere realistici. In nessun caso è possibile raggiungere obiettivi come “perdere 12 chili in un mese”.

Gli obiettivi non realistici sono il primo passo verso il fallimento dei piani di fitness. In realtà, tendono ad essere più controproducenti di quelli che non considerano alcun obiettivo specifico.

Ogni obiettivo deve essere perfettamente misurabile e verificabile in periodi di tempo non troppo lunghi. Gli esempi sono: perdere un chilo a settimana, o camminare 20 minuti all’inizio, tre volte a settimana per un mese. Una volta che questi scenari saranno raggiunti, sarà il momento di aumentare i livelli della domanda.

Obiettivi raggiungibili
Un passo alla volta per tornare ad allenarsi

Anche gli atleti professionisti, dopo un periodo di inattività, iniziano a riprendere l’allenamento a poco a poco. Questo perché il corpo, anche quando è abituato a livelli elevati di domanda fisica, ha bisogno di riorganizzarsi progressivamente.

Questa massima dovrebbe essere rispettata anche da coloro che praticano sport per piacere o divertimento. La raccomandazione più diffusa in questo senso è quella di dimezzare le routine di addestramento che venivano eseguite prima dello “stop”.

Vale a dire: se un appassionato di corsa percorreva sette chilometri in una sessione, durante le prossime due settimane di ritorno all’azione, questa rotta dovrebbe essere limitata a 3,5 km.

Riprendere l’allenamento e le buone abitudini

Ci sono abitudini che dovrebbero essere la norma per tutti coloro che svolgono regolarmente attività sportive. Una dieta equilibrata è una di queste. Ricordate che questo concetto vada ben oltre l’idea di “mangiare sano”.

Le buone abitudini alimentari includono il rispetto per i periodi di tempo che il corpo richiede per digerire e immagazzinare il cibo. Mangiare poco prima di una competizione o un allenamento non è una buona idea.

Si consiglia di sedersi davanti al tavolo 90 minuti prima di sottoporre il corpo al lavoro fisico. In questo modo, viene garantito il fatto che il sistema digestivo abbia soddisfatto i suoi compiti. Inoltre, tutti i nutrienti contenuti nel cibo sono già stati assimilati.

La corretta idratazione è un altro fattore chiave. Dopo tutto, il corpo ha bisogno della giusta quantità di acqua per essere in grado di funzionare correttamente.

Allo stesso modo, non dovreste fare a meno degli esercizi di riscaldamento prima di ogni sessione di lavoro. Lo stesso che eseguire esercizi di rilassamento e stretching dopo aver raggiunto gli obiettivi di allenamento.

Rompere con la noia

Può accadere che dopo un periodo di inattività, l’attività o lo sport precedentemente praticato non generi più interesse. L’importante è non usare questo come una scusa per non fare nulla.

Le opzioni per mantenere le routine di esercizio sono varie. È perfettamente valido provare diverse attività prima di decidere quale vi piace di più e fa al caso vostro in quel momento. Anche questa è una delle chiavi per tornare ad allenarsi con successo.