Abitudini salutari per avere un buon metabolismo

22 Aprile 2019
Se state cercando un modo per poter avere un buon metabolismo, per prima cosa dovrete cambiare stile di vita, seguendo queste nuove e sane abitudini.

Un metabolismo lento può causare un eccessivo accumulo di grasso nel corpo. Ma come si fa ad avere un buon metabolismo? In questo articolo vi spiegheremo come cambiare determinate abitudini acquisite, in modo da migliorare l’assunzione ed assimilazione degli alimenti, con conseguenze decisamente positive per il vostro organismo.

La parola metabolismo deriva dal greco “metabolé” che significa “mutazione” o anche “cambiamento”. È un termine usato in medicina per descrivere molte delle reazioni chimiche che mantengono il corpo umano vivo e funzionante. Tuttavia, la maggior parte delle volte, quando si parla di metabolismo si fa riferimento a come l’organismo trasforma o brucia le calorie al fine di produrre energia.

Le persone che eliminano facilmente le calorie e hanno alti livelli di energia sono caratterizzate da un rapido metabolismo. Come capite, quindi, avere un buon metabolismo è fondamentale per godere di una salute ottimale. Affinché il vostro metabolismo sia veloce, è essenziale mantenere abitudini sane che consentano all’organismo di lavorare nel miglior modo possibile. Prestate attenzione ai suggerimenti che vi mostriamo di seguito e potrete migliorare questo aspetto del vostro benessere in modo semplice ed efficace.

Come si fa ad avere un buon metabolismo?

1. Per avere un buon metabolismo, dormite il giusto

Il ciclo del sonno è un aspetto di grande valore per il corretto funzionamento del metabolismo. Ciò si deve al fatto che, durante la pausa notturna il corpo ripara le cellule, si riprende da tutti gli sforzi fatti durante il giorno e reintegra nuovamente le energie spese.

Inoltre, la mancanza di sonno ha molti effetti negativi sul metabolismo. Tra questi, vi è un aumento del rischio di sovrappeso, dei livelli di zucchero nel sangue e dell’ormone della fame (grelina).

Pertanto, è necessario riposare bene ogni notte. Non basta solamente coricarsi (e svegliarsi) sempre alla stessa ora. Dovrete dedicare un numero di ore sufficienti al riposo, per poter avere un buon metabolismo e mantenere in equilibrio tutti processi ormonali.

2. Bevete abbastanza acqua

Bere acqua a sufficienza è un’abitudine che porta molti benefici. Una corretta idratazione vi aiuterà ad avere una pelle più sana, a eliminare più facilmente delle tossine, a migliore l’ossigenazione del cervello e, naturalmente, a far funzionare bene il metabolismo.

L’acqua potabile è molto più conveniente di ingerire delle bevande analcoliche, delle bibite gassate o dei succhi di frutta industriali. La ragione è che tutte queste peggiorano le prestazioni del metabolismo, per via delle eccessive quantità di zucchero, dei coloranti e degli additivi chimici nocivi che contengono.

Per avere un buon metabolismo dovete bere acqua

Sostituire qualsiasi bevanda con l’acque è fondamentale per il benessere dell’organismo. Aiuta ad aumentare la velocità del metabolismo, soprattutto se l’acqua è fredda, dal momento che il corpo dovrà usare l’energia per adeguare la sua temperatura a quella del corpo. Così facendo, l’effetto di bruciare calorie è molto più efficace.

3. Non saltate i pasti

Il terzo consiglio di oggi, che vi aiuterà ad avere un buon metabolismo, potrebbe sorprendere molte persone. Per stare bene, dovrete evitare il più possibile di saltare i pasti. Al contrario, vi consigliamo di seguire una routine alimentaria basata su 5 momenti. Questi dovranno includere: prima colazione, pranzo e cena, oltre a due spuntini o merende, a cavallo dei pasti principali.

Questo aspetto è estremamente importante. Se il vostro corpo avverte la mancanza di cibo, il cervello reputa questa situazione come un’emergenza. Pertanto, il metabolismo verrà rallentato con l’obiettivo di trasformare le calorie in riserve di grasso. Si tratta di uno “stratagemma” di sopravvivenza: l’organismo teme di non avere sufficienti risorse e, dunque, mette da parte delle scorte.

4. Evitate di stare seduti a lungo

Stare seduti troppo a lungo è un vero problema per la salute dell’organismo. L’attività muscolare è praticamente nulla ed equivale al riposo. Al contrario, il semplice fatto di stare in piedi richiede l’azione di diversi gruppi muscolari per la stabilità. Un aspetto sufficiente ad aumentare il metabolismo.

Ecco spiegato come mai l’aumento di peso è profondamente legato alla sedentarietà: stando seduti brucerete molte meno calorie. Pertanto, se lavorate in questa posizione, provate a prendervi delle pause frequenti per sgranchirvi le gambe.

5. Mangiate più fibre

Il maggior consumo di cibi ricchi di fibre si tradurrà in una maggiore ottimizzazione delle calorie, dal momento che il corpo lavorerà in maniera migliore per trasformarle in energia. Come conseguenza, aiuterete il vostro organismo a combattere la stitichezza e a ridurre il colesterolo.

Prodotti con molta fibra alimentare

Vi consigliamo, da subito, di inserire più fibre nella vostra dieta. Ad esempio, potreste mangiare alimenti come cereali integrali, avena, mele, avocado, pistacchi, legumi, broccoli, lamponi e mandorle. Sia da soli che integrati nei vostri piatti preferiti.

6. Evitate l’olio di semi di bassa qualità

L’olio è molto più dannoso di quanto sembri. Alcuni dei suoi effetti collaterali riguarda l’insorgenza di patologie cardiovascolari, così come l’aumento del colesterolo e lo sviluppo di condizioni cliniche come l’obesità.

Invece di consumare cibi preparati con olio di bassa qualità, è molto più sano sostituirlo con olio di cocco o olio extra vergine di oliva. L’olio di cocco è ricco di grassi a catena media, che aiutano ad accelerare il metabolismo.

Come avete visto, riuscire a cambiare delle semplici abitudini è la chiave per poter avere un buon metabolismo e fare in modo che lavori più velocemente (quindi più efficacemente). Seguendo questi pochi consigli potrete migliorare il vostro benessere fisico e, di riflesso, anche quello mentale.

  • Brown, C. M., Dulloo, A. G., & Montani, J. P. (2006). Water-induced thermogenesis reconsidered: The effects of osmolality and water temperature on energy expenditure after drinking. Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, 91(9), 3598–3602. https://doi.org/10.1210/jc.2006-0407
  • Stookey, J. J. D. (2016, January 2). Negative, null and beneficial effects of drinking water on energy intake, energy expenditure, fat oxidation and weight change in randomized trials: A qualitative review. Nutrients. MDPI AG. https://doi.org/10.3390/nu8010019
  • Stookey, J. D., Constant, F., Popkin, B. M., & Gardner, C. D. (2008). Drinking water is associated with weight loss in overweight dieting women independent of diet and activity. Obesity, 16(11), 2481–2488. https://doi.org/10.1038/oby.2008.409
  • Vij, V. A., & Joshi, A. (2014). Effect of excessive water intake on body weight, body mass index, body fat, and appetite of overweight female participants. Journal of Natural Science, Biology and Medicine, 5(2), 340. https://doi.org/10.4103/0976-9668.136180
  • Biswas, A., Oh, P. I., Faulkner, G. E., Bajaj, R. R., Silver, M. A., Mitchell, M. S., & Alter, D. A. (2015, January 20). Sedentary time and its association with risk for disease incidence, mortality, and hospitalization in adults a systematic review and meta-analysis. Annals of Internal Medicine. American College of Physicians. https://doi.org/10.7326/M14-1651
  • Scheen, A. J., Byrne, M. M., Plat, L., Leproult, R., & Van Cauter, E. (1996). Relationships between sleep quality and glucose regulation in normal humans. American Journal of Physiology, 271(2 Pt 1), E261-70.
  • Chokroverty, S. (2010, February). Overview of sleep & sleep disorders. Indian Journal of Medical Research.
  • Smith, M. R., Perreault, L., Wright, K. P., Eckel, R. H., Markwald, R. R., Melanson, E. L., & Higgins, J. (2013). Impact of insufficient sleep on total daily energy expenditure, food intake, and weight gain. Proceedings of the National Academy of Sciences, 110(14), 5695–5700. https://doi.org/10.1073/pnas.1216951110
  • Assunção, M. L., Ferreira, H. S., Dos Santos, A. F., Cabral, C. R., & Florêncio, T. M. M. T. (2009). Effects of dietary coconut oil on the biochemical and anthropometric profiles of women presenting abdominal obesity. Lipids, 44(7), 593–601. https://doi.org/10.1007/s11745-009-3306-6