Esercizi per ridurre il grasso nell’addome

· 6 ottobre 2018
L'addome è un'area soggetta ad accumulare grasso in modo antiestetico, ma con una buona dieta e gli esercizi corretti ogni cosa ha una soluzione

Qualcuno dice che sia più facile ridurre il grasso nell’addome che in qualsiasi altra parte del corpo … Ma non possiamo pretendere che scompaia magicamente!

Per questo dobbiamo ricorrere a una serie di esercizi, che insieme a una buona alimentazione ci aiuteranno a ridurre il grasso nell’addome  e  ci assicureranno uno stomaco piatto come abbiamo sempre sognato.

Routine di esercizi per ridurre il grasso nell’addome

Sia che frequentate una palestra o fate esercizio a casa, prestate attenzione ai seguenti esercizi per ridurre il grasso nell’addome. La routine dovrebbe essere eseguita tre volte a settimana (riposate un giorno tra ogni sessione). Oltre a perdere peso potete scolpire gli addominali … E non serve essere un esperto per eseguirli!

1. Crunch

Si tratta degli ‘addominali di base‘ che tutti conosciamo: a pancia in su sul tappeto, piegate le ginocchia, appoggiate la pianta dei piedi sul pavimento e portate le mani alla nuca (con i gomiti rivolti verso l’esterno).

Sollevate lentamente il tronco per staccare la zona delle scapole del tappeto. Lo sforzo dovrebbe essere fatto dal ventre, mai dalla schiena (se la colonna vertebrale fa male o dà fastidio, non state facendo bene l’esercizio). Discendete e ritornate alla posizione di partenza. Completate 20 ripetizioni.

2. Burpees

È un esercizio che vi permetterà non solo di ridurre il grasso dell’addome, ma anche di fare cardio e rafforzare le gambe e le braccia. È un esercizio molto completo! Iniziate in piedi, inclinatevi in avanti e portate le mani a terra (le ginocchia sono piegate).

In seguito allungate le gambe e piegate le braccia. Ritraete le ginocchia e per tornare alla posizione iniziale fate un salto con le gambe tese. Ripetete per un minuto senza fermarvi.

Come ridurre il grasso nell'addome

3. Planck

Il conosciuto “planck” è uno degli esercizi più efficaci per lavorare gli addominali. È un po’ più difficile del “tradizionale” ma garantiamo che funzioni. Fondamentalmente dovete stare a pancia in giù sul tappeto con le gambe distese.

In seguito appoggiate gli avambracci sul pavimento e sollevate il corpo lasciando solo le punte dei piedi a contatto con il suolo. L’idea è che le gambe e il busto formino una linea parallela al terreno. All’inizio mantenete la posizione per 30 secondi e poi quando sarete più allenati – dopo un paio di settimane – potete aumentare fino a un minuto.

4. Addominali stile CrossFit

Sono una variante del crunch, anche se molto più intensi, e servono a ridurre il grasso nell’addome nello stesso momento in cui si ottiene la funzionalità del corpo. Sdraiatevi  sulla schiena con le gambe distese; quindi piegate le ginocchia e appoggiate la pianta dei piedi a terra.

Allungate bene le braccia dietro la testa. Fate forza con gli addominali – e aiutati dalla spinta delle braccia – sollevate il busto fino a quando il petto tocca le ginocchia. Ritornate alla posizione di partenza. Eseguite 15 ripetizioni.

5. Addominali bicicletta

Un altro esercizio eccellente con duplice scopo: bruciare il grasso dell’addome e rafforzare gambe e braccia. È anche perfetto per il coordinamento! Sdraiatevi sulla schiena sul tappeto e portate le ginocchia al petto. Le mani dietro la nuca.

Allungate la gamba destra e ruotate il torace in modo che il gomito destro tocchi il ginocchio sinistro. Successivamente eseguite l’esercizio in senso opposto (gamba sinistra tesa). L’idea è che quando una gamba è stesa l’altra gamba è piegata. Completate 20 ripetizioni per ogni lato.

Ridurre il grasso nell'addome con esercizi

6. Forbici verticali

Infine, un esercizio che funziona per la parte bassa dell’addome – perfetto per rimuovere il grasso accumulato – e che, anche se in teoria sembra facile, in pratica richiede qualche sforzo.

Iniziate pancia in su sul tappeto con le gambe distese e le braccia ai lati del corpo. Sollevate la gamba destra ben tesa finché non è perpendicolare al suolo. Scendete lentamente e prima che tocchi il pavimento sollevate la gamba sinistra.

L’obiettivo è che le gambe “si incrocino” nei pressi del terreno senza appoggiare i talloni, ma lasciandole sempre sospese in aria. Per rendere le cose un po ‘difficili, mettete le mani dietro la nuca e sollevate le scapole dal tappeto. Fate 20 elevazioni con ogni gamba.