La frutta secca e i suoi benefici per l’organismo

27 Aprile 2019
Se la frutta secca non fa parte della vostra alimentazione quotidiana, le informazioni che stiamo per darvi vi saranno utili per rivalutare questa scelta. La frutta secca fa davvero bene alla salute!

Mangiare frutta secca può essere utile sotto molti punti di vista, per migliorare la qualità della vita; ad esempio, aiuta a mantenersi giovani, a prevenire malattie e a dare i giusti nutrienti al corpo. A seguire, vi presentiamo alcuni motivi importanti per cui è bene aggiungerli alla propria dieta quotidiana.

Il consumo di frutta secca è elevato in tutto il mondo. Ciascun frutto ha un proprio nome, ma tutti fanno parte di questa categoria perché condividono tra loro la stessa caratteristica: possiedono meno del 50% di acqua nella loro composizione. Scoprite in questo articolo i grandi benefici che danno all’organismo.

Le arachidi, le mandorle, le noci, i pinoli, le nocciole e le castagne, ad esempio, fanno parte del famoso gruppo della frutta secca. Tutti questi frutti possiedono determinate proprietà che li rendono davvero vantaggiosi per il corpo umano. Continuate a leggere e scoprite quali sono!

I grandi benefici della frutta secca

1. Possiede proprietà antiossidanti

La frutta secca è un’eccellente fonte di antiossidanti. Se non consumate già a sufficienza mandorle, pistacchi o simili, è arrivato il momento di includerli nella vostra dieta per sfruttare questo beneficio.

Gli antiossidanti presenti nella frutta secca hanno la capacità di combattere lo stress ossidativo, neutralizzando i radicali liberi. Questo permette di attutire l’impatto del danno cellulare e di prevenire le malattie. 

In tal senso, gli antiossidanti presenti nella frutta secca ci aiutano a mantenerci più giovani, ritardando quindi l’invecchiamento. Allo stesso tempo, prevengono le malattie cardiovascolari e neurodegenerative.

frutta secca: le noci

2. Possiede molti nutrienti

Sebbene così non sembri, queste piccole noci, pinoli, nocciole e gli altri tipi di frutta secca custodiscono tutti diversi nutrienti essenziali per l’organismo. Anche se la quantità di questi nutrienti varia a seconda del frutto, tutti possiedono i seguenti elementi:

  • Proteine.
  • Vitamina E.
  • Fibra.
  • Magnesio.
  • Manganese.
  • Selenio.
  • Rame.
  • Fosforo.
  • Carboidrati. 

3. Riduce l’infiammazione

L’infiammazione è il modo in cui il corpo si difende da lesioni, batteri o altri patogeni potenzialmente dannosi. Tuttavia, l’infiammazione cronica può causare danni agli organi e aumentare il rischio di malattie a lungo termine.

Alcuni studi di ricerca in merito suggeriscono di mangiare frutta secca per ridurre l’infiammazione e per stimolare un invecchiamento salutare. In uno studio sulla dieta mediterranea, alle persone coinvolte che hanno consumato noci hanno evidenziato una riduzione tra il 35% e il 90% degli indici infiammatori.

Allo stesso modo, è stato riscontrato come alcune noci, i pistacchi, le noci brasiliane, le noci e le mandorle, combattono l’infiammazione nelle persone sane e in altri soggetti, affetti da malattie gravi come il diabete o problemi renali. 

4. Riduce il colesterolo e i trigliceridi

La frutta secca rilascia effetti sorprendenti sui livelli di colesterolo e sui trigliceridi. Questo potere di riduzione del colesterolo proprio della frutta secca può essere dovuto al suo elevato contenuto di acidi grassi monoinsaturi e polinsaturi.

Le mandorle e le nocciole sembrano essere in grado di aumentare il colesterolo HLD “buono”, mentre al contempo abbassano il colesterolo LDL complessivo, considerato “cattivo”. Inoltre, uno studio ha evidenziato come le nocciole tritate, tagliate o intere abbiano effetti positivi simili sui livelli di colesterolo.

Un altro studio su donne affette da sindrome metabolica ha evidenziato che mangiare un mix di 30 grammi di frutta secca ogni giorno, per 6 settimane, riduce notevolmente qualunque tipo di colesterolo, eccetto il colesterolo HDL, ovvero quello “buono”.

benefici della frutta secca

5. La frutta secca è ricca di fibre

Le fibre offrono diversi benefici alla nostra salute. Per quanto il corpo non sia in grado di digerirle, i batteri che vivono nel colon possono.

Molti tipi di fibre fungono da probiotici o alimenti per i batteri intestinali salutari. Queste ultime, poi, fanno fermentare le fibre e le convertono in vantaggiosi acidi grassi a catena corta (SCFA).

Di conseguenza, le SCFA contribuiscono al miglioramento della salute intestinale e a ridurre il rischio di diabete e obesità. Inoltre, la fibra dona sazietà e riduce la quantità di calorie assorbite dai pasti. 

In sintesi, la frutta secca può sembrare un alimento semplice, da consumare di tanto in tanto. Tuttavia, otterrete meravigliosi benefici includendola più spesso nella vostra dieta. Potreste anche mangiarla in sostituzione delle caramelle. 

Ad esempio, potreste consumarla a merenda, come base di diverse ricette o per preparare frullati che esaltino al massimo il suo sapore e per offrire i suoi migliori nutrienti al vostro organismo. Che aspettate? Gustate le bontà della frutta secca!

  • Haddad, E. H., Gaban-Chong, N., Oda, K., & Sabaté, J. (2014). Effect of a walnut meal on postprandial oxidative stress and antioxidants in healthy individuals. Nutrition Journal13(1)  https://doi.org/10.1186/1475-2891-13-4. 
  • Rahman, K. (2007). Studies on free radicals, antioxidants, and co-factors. Clinical Interventions in Aging. https://doi.org/http://dx.doi.org/
  • Grosso, G., & Estruch, R. (2016, February 1). Nut consumption and age-related disease. Maturitas. Elsevier Ireland Ltd. https://doi.org/10.1016/j.maturitas.2015.10.014
  • Damasceno, N. R. T., Sala-Vila, A., Cofán, M., Pérez-Heras, A. M., Fitó, M., Ruiz-Gutiérrez, V., … Ros, E. (2013). Mediterranean diet supplemented with nuts reduces waist circumference and shifts lipoprotein subfractions to a less atherogenic pattern in subjects at high cardiovascular risk. Atherosclerosis230(2), 347–353. https://doi.org/10.1016/j.atherosclerosis.2013.08.014
  • Tey, S. L., Delahunty, C., Gray, A., Chisholm, A., & Brown, R. C. (2015). Effects of regular consumption of different forms of almonds and hazelnuts on acceptance and blood lipids. European Journal of Nutrition54(3), 483–487.
  • Chiang, Y. L., Haddad, E., Rajaram, S., Shavlik, D., & Sabaté, J. (2012). The effect of dietary walnuts compared to fatty fish on eicosanoids, cytokines, soluble endothelial adhesion molecules and lymphocyte subsets: A randomized, controlled crossover trial. Prostaglandins Leukotrienes and Essential Fatty Acids87(4–5), 111–117.
  • Bakhtyari, L., Vafaeimanesh, J., Khorramirad, A., Parham, M., Hozoori, M., Heidari, S., & Hosseinzadeh, F. (2014). Effects of Pistachio Nut Supplementation on Blood Glucose in Patients with Type 2 Diabetes: A Randomized Crossover Trial. The Review of Diabetic Studies11(2), 190–196.
  • Stockler-Pinto, M. B., Mafra, D., Moraes, C., Lobo, J., Boaventura, G. T., Farage, N. E., … Malm, O. (2014). Brazil nut (Bertholletia excelsa, H.B.K.) improves oxidative stress and inflammation biomarkers in hemodialysis patients. Biological Trace Element Research158(1), 105–112.
  • Stockler-Pinto, M. B., Mafra, D., Farage, N. E., Boaventura, G. T., & Cozzolino, S. M. F. (2010). Effect of Brazil nut supplementation on the blood levels of selenium and glutathione peroxidase in hemodialysis patients. Nutrition26(11–12), 1065–1069.
  • Jamshed, H., Sultan, F. A. T., Iqbal, R., & Gilani, A. H. (2015). Dietary Almonds Increase Serum HDL Cholesterol in Coronary Artery Disease Patients in a Randomized Controlled Trial. The Journal of Nutrition145(10), 2287–2292. https://doi.org/10.3945/jn.114.207944
  • Wu, L., Piotrowski, K., Rau, T., Waldmann, E., Broedl, U. C., Demmelmair, H., … Parhofer, K. G. (2014). Walnut-enriched diet reduces fasting non-hdl-cholesterol and apolipoprotein b in healthy caucasian subjects: A randomized controlled cross-over clinical trial. Metabolism: Clinical and Experimental63(3), 382–391.