È meglio fare cardio prima o dopo i pesi?

· 17 Febbraio 2019
Conoscere il momento migliore per fare cardio vi aiuterà migliorare i risultati del vostro allenamento. Oggi vi spiegheremo quando fare esercizio aerobico

Molte persone che vanno in palestra per aumentare la massa muscolare, spesso si “dimenticano” di fare cardio. Altri ancora si rifiutano di praticare questi esercizi aerobici, affermando che sono controproducenti per la loro scheda pesi.

Si tratta però di scelte assolutamente sbagliate. Se pensate che fare cardio faccia male alla vostra routine di allenamento, vi consigliamo di leggere questo articolo. Infatti, vi farà capire l’importanza cruciale di questa attività, per il raggiungimento dei vostri risultati.

Cardio prima o dopo i pesi, questo è il problema

Se volete definire bicipiti o tricipiti, è normale lasciare da parte altri esercizi, tra cui quelli che chiamano in causa il sistema cardiovascolare. Si ritiene che riducano gli effetti del sollevamento pesi e che non aiutino a definire i muscoli. Tuttavia, fare cardio vi permette di bruciare i grassi e mantenere la massa muscolare che, evidentemente, risalterà di più .

Se avete compreso questo importante concetto, probabilmente vi starete chiedendo: “Quando bisogna fare cardio? Prima o dopo l’allenamento con i pesi?”. Ebbene, potremmo dire che non esiste una sola a questa domanda, poiché tutto dipende dagli obiettivi di ciascuno.

Ragazza asiatica corre su cinta per fare cardio

Fare cardio prima dei pesi

Se scegliete questa alternativa è perché volete ottenere più resistenza, bruciare i grassi o guadagnare un po’ di muscoli con i pesi. Per voi, il body building è solo un complemento per migliorare i risultati e poter contare su una maggiore forza fisica.

Fare cardio prima di allenarsi va bene anche quando si è abituati ad allenarsi all’aperto (ad esempio, correndo nel parco) e il tempo non vi permette di uscire, perché magari piove o fa troppo freddo. In questi casi, prima farete cardio e poi vi dedicherete a macchine e manubri.

Come mai? L’importante è mantenere un ritmo alto ma senza consumare tutta l’energia poi necessaria per sollevare i pesi. L’allenamento anaerobico successivo, infatti, servirà per tonificare e ingrossare i muscoli sia sulle gambe che sulle braccia (meno sollecitate dagli esercizi cardiovascolari).

In breve, se il vostro obiettivo principale non è la definizione dei muscoli, dovrete fare cardio all’inizio. Poi vi dedicherete ai pesi e, infine, concluderete con una sessione di allungamento.

Ragazza mora usa i manubri per aperture spalle

Fare cardio dopo i pesi

La seconda opzione è quella di lasciare il cardio a fine allenamento (e prima dello stretching). Questo è riservato a coloro che vogliono definire o sviluppare la massa muscolare. Vediamo di spiegare le ragioni scientifiche e biologiche che si nascondono dietro questo sistema di allenamento.

Quando vi allenate con i pesi, i muscoli immagazzinano una sostanza chiamata glicogeno, che è responsabile di garantire maggiore energia e forza. Grazie al glicogeno, potrete avanzare e crescere, sollevando sempre più pesi. Attenzione però: il glicogeno diminuisce mano mano che andate avanti nella sessione. E, dato che cercate la crescita muscolare, non volete rimanere senza “benzina” prima di giungere al traguardo. Ecco perché la parte cardio dovrà essere lasciata alla fine.

Fare cardio dopo l’allenamento vi aiuterà a rimuovere il grasso accumulato ma senza perdere massa muscolare. Siccome il corpo non ha quasi più glicogeno, sarà costretto a usare il grasso come combustibile. Si tratta di una strategia perfetta per avere un fisico migliore.

L’ideale sarebbe quindi fare una sessione da 45 minuti a 1 ora di pesi e poi circa 15 o 20 minuti di cardio. Non dovete dimenticare 5 minuti finali di stretching. Nella prima parte di allenamento userete il glicogeno (forza e resistenza), nel secondo il grasso e, alla fine, eviterete fastidi o dolori prodotti dall’accumulo di acido lattico.

Ragazza stira i muscoli della gamba destra

Anche se volete solamente perdere peso e rassodare gambe, glutei e braccia, dovreste iniziare con i pesi (anche se da 20 a 30 minuti) e poi fare cardio (40 minuti a 1 ora). In tal modo brucerete i grassi accumulati, tonificando allo stesso tempo i muscoli.

Nella maggior parte dei casi, è consigliabile fare prima la scheda pesi e poi dedicarsi alle attività cardio, aerobiche.

Che ci crediate o no, dopo l’allenamento con i pesi avrete ancora abbastanza “forza” per alcuni minuti di cardio, anche ad alta velocità. L’aspetto migliore è che non avrete bisogno di dire al corpo che tipo di carburante usare… Prenderà ciò che pensa sia necessario per soddisfare le sue necessità: la materia grassa.