Serena Williams: analizziamo il suo gioco

30 Aprile 2019
Serena Williams è stata per molti anni un riferimento per il tennis mondiale femminile. Durante la sua carriera, nonostante le polemiche e gli infortuni, è riuscita a combinare potenza fisica e qualità di gioco che le hanno permesso di restare al top per lungo tempo.

Serena Williams è una giocatrice professionista di tennis americana che è rimasta in prima posizione nella classifica ATP per oltre 300 settimane.

Si può affermare che il tennis è nei suoi geni. Infatti, anche la sorella, Venus Williams, è una delle migliori giocatrici professioniste di tennis al mondo. Insieme hanno raggiunto la bellezza di otto medaglie olimpiche.

Lo stile di gioco e i titoli di Serena Williams

Il suo stile di gioco è caratterizzato da una grande forza mentale e fisica e dalla potenza dei colpi. Queste caratteristiche l’hanno resa una delle migliori tenniste della storia.

“Con la nostra potenza ed il nostro stile, mia sorella ed io abbiamo cambiato il tennis femminile”

-Serena Williams-

La superiorità fisica e la qualità del gioco hanno caratterizzato tutta la sua carriera e le hanno permesso di conquistare 39 titoli del Grande Slam, 23 nel singolo, 14 nel doppio femminile in coppia con la sorella e 2 nel doppio misto con Maks Mirnyi.

la giocatrice Serena Williams
La tennista statunitense Serena Williams.

Non c’è da stupirsi che sia considerata una delle migliori tenniste della storia, forse la migliore.

Ha il record del maggior numero di titoli del Grande Slam nel tennis moderno, sia per quanto riguarda le donne che per gli uomini.

Oltre a tutti questi titoli di estrema importanza, può contare nel suo palmares anche 23 titoli WTA. Nonostante tutti i titoli vinti e la sua incredibile carriera, Serena ha dichiarato recentemente:

“Non mi annoio mai quando sono in campo, sono felice di giocare a tennis e non faccio caso ai titoli che ho vinto. Voglio vincere sempre e vincere ancora. Il prossimo anno il mio obiettivo è di vincere quattro Grande Slam”

– Serena Williams –

Una brillante carriera nonostante gli infortuni

Nel 1999, a causa di un eccessivo numero di partite giocate , ha avuto diversi problemi. Si è ritirata da un torneo per una tendinite a entrambe le ginocchia e ha dovuto fare lo stesso per i German Open a causa di una distorsione al gomito destro. Sempre in quell’anno, per un’influenza, ha dovuto abbandonare il torneo di Wimbledon.

Il 2000 fu l’anno peggiore. Durante la partecipazione al suo secondo torneo della stagione, a Parigi, ha subito un infortunio proprio durante la finale. Ma l’infortunio peggiore è avvenuto ad Amelia Island dove, durante il secondo turno del torneo, è stata costretta a ritirarsi a causa della rottura del menisco della gamba destra. Prima di riprendersi ci sono voluti tre mesi di riabilitazione.

Ad agosto dello stesso anno, durante la finale dei Canadian Open, subisce un altro infortunio che dura un mese. Proprio mentre dominava la partita, si infiamma una delle articolazioni del piede sinistro: perde il secondo set ed è costretta a ritirarsi nel terzo.

Nel 2001 ha dovuto rinunciare al torneo di Parigi per l’eccessivo affaticamento e al torneo di Scottsdale perché aveva l’influenza. Dopo quasi due mesi torna a vincere agli Indian Wells e raggiunge i quarti di finale a Miami. Un infortunio al ginocchio la costringe a rinunciare ai tornei di Charleston, Roma e Madrid.

vittoria di Serena Williams

Nel 2002 non ha potuto disputare gli Australian Open a causa di un infortunio alla caviglia avvenuto mentre giocava il torneo di Sidney, dal quale si è dovuta ritirare in semifinale.

Sfortunatamente, anche nel 2003, subisce un nuovo infortunio al ginocchio durante una partita di doppio a Wimbledon: è costretta a rinunciare al resto della stagione.

Nell’agosto del 2004, durante il torneo di SanDiego, si infortuna al ginocchio sinistro ed è costretta ritirarsi. Deve rinunciare anche ai Canadian Open e ai Giochi Olimpici. Potrà, comunque, disputare il resto delle gare del Grande Slam.

Alla fine della stagione, alcuni problemi allo stomaco non le hanno permesso di vincere il WTA Tour Championships.

Nel 2005 gioca il Torneo di Wimbledon con vari problemi ed una frattura da stress alla caviglia. Lo stesso infortunio si ripete a fine anno e, unito ai problemi al ginocchio, la costringe a smettere di giocare per tutto il resto della stagione.

Nel 2006, a causa di una patologia cronica al ginocchio, non ha potuto giocare molti dei tornei più importanti dell’anno, tra cui il Roland Garros e Wimbledon. Poté partecipare solo ad alcune competizioni.

Nell’ottobre 2007 ha partecipato al torneo di Zurigo, ma nel primo turno si è ritirata a causa di un infortunio alla coscia destra.

Serena Williams è l’unica giocatrice che ha conquistato il “Golden Slam”, sia in singolo che in doppio. Significa che ha vinto i quattro quattro titoli del Grand Slam più l’oro olimpico in entrambe le discipline. Con questi numeri Serena può essere considerata una delle più grandi giocatrici di tutti i tempi.