Stimolazione cerebrale nello sport: il nuovo doping?

23 Gennaio 2020
Spesso si tende ad associare la parola "doping" allo sport, o meglio, ai maggiori successi sportivi. Ma cos'è esattamente il doping cerebrale? Perché viene considerata una nuova tendenza del 21° secolo?

Il cervello sarà il prossimo obiettivo del doping? Le tecniche di stimolazione cerebrale potrebbero diventare una nuova scorciatoia per aumentare la forza muscolare, ridurre l’affaticamento e migliorare la concentrazione durante lo sport.

Anni fa, questo tipo di doping al cervello veniva identificato quando si consumavano determinati farmaci stimolanti. Tuttavia, oggi la scienza ha fatto un passo avanti.

Attualmente, quando parliamo di doping cerebrale intendiamo la stimolazione cerebrale elettrica. Se teniamo conto dei progressi scientifici esistenti, in futuro potrebbe portare alla creazione di impianti cerebrali. Scopriamo insieme cos’è la stimolazione cerebrale.

Cosa sappiamo del doping cerebrale?

Il doping cerebrale consiste in una serie di tecniche di stimolazione neuronale in grado di aumentare la forza muscolare, ridurre l’affaticamento e migliorare la concentrazione durante l’allenamento e i campionati.

Al di là dello sport, molti lo vedono come un buon modo per reagire più velocemente all’inizio di una gara di velocità, per esempio. Allo stesso tempo, la stimolazione cerebrale migliora le capacità di apprendimento, che sono molto importanti in alcuni sport.

È possibile utilizzare la stimolazione cerebrale come doping?

Questa è una domanda molto controversa. Diversi scienziati, come Nick J. Davis, hanno proposto l’uso della stimolazione elettrica transcranica (TDC) come metodo di doping sportivo. Questa tecnica consiste in una batteria collegata a delle ventose posizionate sulla testa.

Portiere di calcio durante una partita sulla sabbia

Questo tipo di doping cerebrale ha dimostrato di raddoppiare la capacità di apprendimento del paziente, ma ha effetti collaterali sfortunati: aumenta l’apprendimento solo nell’area del cervello stimolata in quel particolare momento. La sua conseguenza è la diminuzione del resto delle capacità di apprendimento delle altre aree cerebrali.

Tuttavia, la TDCS ha degli effetti molto positivi. Potete acquistare un kit online o imparare a costruirne uno. Naturalmente, il suo uso senza la supervisione di un professionista è totalmente controindicato.

La stimolazione cerebrale nello sport

Come abbiamo commentato in precedenza, anche la stimolazione transcranica potrebbe portare grandi benefici nel mondo dello sport. Questa tecnica può modulare l’eccitabilità corticale e quindi indurre l’inibizione o l’attivazione, a seconda della direzione della corrente (anodica o catodica).

Questo processo influisce sulla maggiore attivazione e umore simpatico o parasimpatico, che a sua volta influisce sulla fatica, uno dei fattori più importanti nel mondo dello sport.

Il ruolo della stimolazione cerebrale sulla fatica

La fatica è una variabile multi fattoriale, sebbene sia stata tradizionalmente studiata occupandosi solo delle sue componenti periferiche (neuromuscolari, metabolici, respiratori, cardiovascolari, ecc.).

Tuttavia, negli ultimi anni, è stata posta sempre più enfasi sul grande ruolo che le componenti centrali svolgono nel controllo della fatica. Pertanto, è stato proposto che negli esercizi eseguiti fino all’esaurimento o nei test incrementali, l’affaticamento centrale fosse uno dei principali fattori determinanti della prestazione.

Al fine di studiare e dimostrare questa teoria, importanti ricercatori come il Dottor Hikeyuki Okano hanno condotto degli studi al riguardo. In uno dei suoi studi, questo ricercatore divide in due il gruppo.

Sudore allenamento

Il primo riceve la stimolazione cerebrale per 20 minuti prima di eseguire uno stress test su una cyclette. Il secondo non riceve stimolazione ed esegue lo stesso test.

I risultati sono stati sorprendenti: il gruppo che ha ricevuto la stimolazione è stato in grado di sviluppare un maggiore potenziale e ha resistito allo sforzo più a lungo, fino alla massima fatica. Anche lo sforzo percepito era inferiore per questo gruppo.

Conclusioni

Finora, questi metodi non hanno ottenuto effetti così duraturi da diventare un nuovo metodo di doping. Tuttavia, nei prossimi anni ci saranno importanti sviluppi al riguardo.

Il doping cerebrale aiuterà un futuro vincitore del Tour de France? Migliorerà i riflessi di un portiere? Il mondo dello sport rimane in attesa di vedere come si evolverà tutto ciò che riguarda la stimolazione cerebrale nello sport.

  • Davis N.J. (2013) Neurodoping: brain stimulation as a performance-enhancing measure. Sports Medicine 43, 649-653.
  • Okano AH, Fontes EB, Montenegro RA, Farinatti PD, Cyrino ES, Li LM, Bikson M, Noakes TD (2013) Brain stimulation modulates the autonomic nervous system, rating of perceived exertion and performance during maximal exercise.