Freddo o caldo: cosa fare in caso di lesioni e infortuni?

20 aprile, 2020
Qual è il meccanismo d'azione del freddo e del caldo? Quando dovrebbe essere applicato l'uno o l'altro in caso di infortunio?
 

L’applicazione del freddo o del caldo su un’area lesa o semplicemente affaticata dopo l’esercizio fisico è essenziale. I benefici di questa tecnica, infatti, servono ad alleviare il dolore di pazienti e atleti. Vediamo quali sono i suoi meccanismi di azione e i casi più utili a seconda del tipo di lesione.

Per le lesioni bisogna usare freddo o caldo?

Freddo o caldo: Meccanismi di azione del freddo

Come ci si aspetterebbe, gli effetti benefici del freddo sono dovuti alla diminuzione della temperatura locale che produce. Questo calo di temperatura indurrà la vasocostrizione e, quindi, una diminuzione della quantità di sangue nell’area.

Inoltre, in presenza di freddo, la velocità del metabolismo diminuisce e anche l’azione dei nervi sensoriali rallenta. Il freddo può avere anche altri effetti sul sistema nervoso, come l’aumento della sensibilità nell’area. Inoltre, a seconda se viene applicato sui muscoli superficiali o profondi, può aumentare o diminuire la velocità della contrazione.

Tenete presente che quando si smette di applicare il freddo, si verifica un effetto di rimbalzo. Ciò significa che il corpo compenserà aumentando il flusso sanguigno verso l’area fredda quando cessa la stimolazione. Sostanzialmente, per prevenire danni ai tessuti e, ancora una volta, garantire che una quantità adeguata di sangue raggiunga l’area.

Come funziona il calore nel corpo

Al contrario, l’effetto principale del calore sarà la vasodilatazione. Provocare un aumento della temperatura porta ad un aumento dell’afflusso di sangue nell’area di applicazione e, quindi, di tutti le cellule del sangue che aiutano a riparare i tessuti feriti. Inoltre, con la vasodilatazione si riduce anche la pressione sanguigna.

 

Allo stesso modo, il calore prolungato promuove anche il rilassamento dell’area, con effetti antispasmodici e una diminuzione della sensibilità dovuta al rilassamento.

Infine, va tenuto presente che, a seconda della durata delle sessioni e della temperatura raggiunta, con il calore aumenta anche la frequenza cardiaca, quindi più sangue raggiunge l’area di applicazione. In casi estremi può causare tachicardia, quindi le persone con problemi cardiaci dovrebbero fare attenzione.

Luce calda

Freddo o caldo?

Tenendo conto di quanto detto, quando l’applicazione di un trattamento o di un altro sarà più vantaggiosa? Come regola generale, useremo il freddo per le lesioni acute e il calore per quelle croniche.

Ciò significa che, se abbiamo appena subito un infortunio, l’applicazione del freddo conterrà l’aumento del sangue. Inoltre, aiuterà a mantenere una reazione proporzionata da parte del nostro corpo. Ridurrà anche l’edema causato dalla rottura del tessuto e ci aiuterà a tollerare meglio il dolore.

D’altra parte, se abbiamo appena terminato una sessione di intenso esercizio fisico, applicare freddo ai muscoli maggiormente colpiti aiuta a prevenire gli effetti collaterali e limita i danni.

 

Invece, il calore sarà il nostro grande alleato nei processi più lunghi. A partire da 24 ore dopo la comparsa di un disturbo muscolare, è conveniente applicare un trattamento caldo.

Come abbiamo visto, una volta controllata l’infiammazione iniziale, l’aumento della circolazione aiuterà le cellule a far recuperare il tessuto. Inoltre, il suo effetto antispasmodico aiuterà a curare le contratture muscolari o la tensione generale accumulata.

Metodi di applicazione

Sapere se applicare freddo o caldo a una lesione è importante per alleviare i sintomi. Per il freddo, si usano i seguenti metodi di applicazione:

  • Cubetti di ghiaccio: in questo caso, devono sempre essere avvolti in un asciugamano, uno straccio o un tessuto simile, poiché non devono entrare a contatto diretto con la pelle.
  • Borse fredde: sono disponibili in diversi formati, inclusi gli “impacchi freddi” che vengono raffreddati e posizionati sull’area da trattare, o gli asciugamani freddi e le compresse fredde.
  • Creme o spray freddi: offrono un effetto rapido ma temporaneo.
  • Criomassaggio: consiste nel massaggiare l’area interessata con cubetti di ghiaccio avvolti in un asciugamano, piuttosto che applicarlo e lasciarlo agire.
Ghiaccio sulla spalla
 

Per applicare il calore, alcuni degli strumenti utilizzati sono:

  • Cuscino termico: il classico cuscino che abbiamo a casa, che metteremo nel microonde e applicheremo sull’area.
  • Immersione: l’immersione della zona interessata in un bagno di acqua calda farà penetrare il caldo più in profondità.
  • Raggi infrarossi: se andiamo da un fisioterapista, è probabile che applichi il calore attraverso i raggi infrarossi.
  • Creme o spray caldi: come per il freddo, possiamo acquistare creme o spray che ci offrono un effetto immediato.

Infine, proponiamo anche un’altra alternativa: i massaggi. Il massaggio provoca un aumento della temperatura corporea. Maggiore è la pressione del massaggio, maggiore sarà la sensazione di caldo provata.

  • Effect of heat stress on muscle energy metabolism during exercise. Febbraio M., Snow R., Stathis C., Hargreaves M., Carey M. Journal of Applied Physiology. Volume 77, Issue 6 (1994)
  • Lesiones musculares en el deporte. Jiménez F. Revista Internacional de Ciencias del Deporte. Volumen 2, Número 3 (2006)
  • Lesiones musculares en el mundo del deporte. Cardero M. Revista de Ciencias del Deporte, 4 (1), 13 – 19.  (2008)