I benefici dello yoga per i bambini

Lo yoga può essere praticato a partire dai 4 anni e comporta innumerevoli benefici, sia a livello fisico che a livello mentale ed emotivo.
 

Forse, per alcuni genitori è impensabile che i propri figli possano stare seduti con gli occhi chiusi e senza parlare, anche solo per dei minuti. Tuttavia, tra i benefici dello yoga per i bambini c’è anche quello di generare calma. In questo articolo, vi diremo tutto ciò che dovete sapere su questa tendenza sempre più diffusa in Occidente.

Yoga per i bambini?! Proprio così!

Sì, anche se non riuscite a crederci, a partire dai 4 o 5 anni i bambini possono partecipare a una lezione di yoga… e divertirsi! Inoltre, praticare lo yoga comporta una serie di benefici anche per loro – non solo per voi. Stenterete a crederci, ma lo yoga funziona anche con i bambini iperattivi che non si fermano mai, nemmeno per un secondo.

Come primo passo, è bene sapere quali sono i benefici dello yoga per i bambini. I bambini che svolgono questa attività acquisiscono maggiore fiducia in se stessi e hanno una maggiore capacità di concentrazione.

Inoltre, sono più flessibili a livello fisico e quella flessibilità viene mantenuta in età adulta se continuano con l’esercizio; sviluppano più forza, diventano consapevoli del loro corpo e soffrono meno i sintomi dello stress o dell’iperattività.

 

A sua volta, lo yoga consente di lavorare sull’equilibrio, stabilire una connessione con se stessi, attivare la creatività, condividere spazi con altri bambini e gestire le proprie emozioni, oltre a riconoscerle.

Come se ciò non bastasse, le lezioni di yoga regolano le funzioni fisiologiche come il sonno o l’appetito ed offrono anche gli strumenti adeguati per divertirsi senza usare la tecnologia.

Lo yoga per i bambini li aiuta anche a essere più rilassati e a prendere decisioni migliori in diverse situazioni quotidiane. Riduce anche la violenza a scuola e può essere eccellente per evitare alcuni disturbi alimentari o la mancanza di autostima.

A meno che il pediatra non indichi il contrario, lo yoga non è dannoso per i bambini, anzi. Nel caso in cui un bambino sia troppo irrequieto, può essere conveniente integrare le lezioni con qualche attività aerobica che gli consenta di “liberare tutta l’energia”.

Famiglia che fa yoga

In cosa consistono le lezioni?

Alcuni insegnanti di yoga indicano che i bambini possono iniziare con le prime lezioni a partire dai 4 o 5 anni, ma più come un gioco. Solo a 7 o 8 anni le lezioni avranno più senso e verranno ottenuti maggiori benefici.

 

Si consiglia di praticare questa disciplina due volte a settimana. Tuttavia, all’inizio va bene anche una lezione alla settimana, per iniziarli alla pratica e agli esercizi.

Ogni sessione può durare tra 45 e 90 minuti. È bene che anche i genitori siano presenti e perché no, di praticare lo yoga! Ciò aumenterà il legame familiare e farà in modo che il bambino non si senta in imbarazzo facendo qualcosa di nuovo. Inoltre, papà o mamma potranno stare tranquilli almeno per un po’.

Le lezioni di yoga per i bambini sono molto divertenti perché cercano di avvicinarli a questa disciplina attraverso giochi, canzoni, strumenti musicali e storie. Ecco perché non verranno insegnati gli esercizi di respirazione cosciente perché non sono ancora pronti, bensì alcune posizioni semplici.

La sfida principale è che i bambini rimangano concentrati su ciò che dice l’insegnante. All’inizio, potrebbe essere difficile per loro rimanere calmi o imitare i movimenti, ma con il passare delle lezioni diventeranno più abili e ripeteranno ciò che hanno imparato anche a casa o a scuola.

Mamma e figlia che fanno yoga

Le lezioni di yoga per bambini non dovrebbero essere un obbligo

 

Vale la pena sottolineare che dovreste costringere i vostri figli a praticare yoga, piuttosto dare loro la possibilità di conoscerlo e accettarlo a poco a poco. Per questo motivo, è essenziale che i genitori si impegnino in questa attività, sia a lezione che a casa. Infatti, è molto positivo per i genitori promuovere un’area di relax e tranquillità a casa.

Se il bambino vede sua madre fare yoga o meditare nella stanza o in giardino, è probabile che sia curioso, faccia domande o imiti le sue azioni. Lo stesso succede a lezione.

Impegnatevi nella ricerca di una scuola di yoga che insegni a bambini e adulti contemporaneamente, ma soprattutto in cui le lezioni siano divertenti ed interessanti per il bambino. Se ciò non accade, potete sempre trovare un altro posto o un altro insegnante.

Infine, oltre a dare l’esempio, sarebbe bene incoraggiare la tranquillità, il relax e la calma a casa. Infatti, non serve andare a lezione di yoga con vostro figlio se poi a casa regna il caos e lo stress. La pace è fondamentale per la crescita e per migliorare la qualità della vita di tutti i componenti della famiglia.

 
  • McGonigal, K. (2006). Yoga for kids. IDEA Fitness Journal.