Alimentazione dei sub: cosa mangiare quando si fa immersione

6 Agosto 2019
Gli sport subacquei sottomettono il corpo a condizioni straordinarie, l'immersione implica il movimento in un ambiente denso, senza ossigeno naturale e con un carico in più, considerando che l'attrezzatura completa da sub può pesare fino a 20 kili. Scoprite oggi l'alimentazione ideale dei sub.

Tutti gli sport hanno un tipo di alimentazione che favorisce l’attività fisica. In pratica, l’alimentazione del sommozzatore è una delle più dettagliate e restrittive. La stessa prepara per le immersioni in un ambiente che l’uomo non domina: le profondità del mare. Scoprite oggi l’alimentazione ideale dei sub.

Crampi, nausea, vomito e perfino embolie sono le sofferenze che può evitare una buona alimentazione. La prevenzione di questi stati passa in gran misura dall’alimentazione dei sub. Però…come deve essere?

Alimentazione dei sub: aspetti generali

I sub generalmente hanno un controllo alimentare molto restrittivo orientato alla sopravvivenza nella pratica sportiva. A differenza di altri sport, la dieta alimentare del subacqueo implica la vita o la morte in ogni momento. In questo senso ci sono prodotti molto consigliati ed altri da evitare assolutamente.

In linea generale ci riferiamo ad una dieta ben distribuita e divisa in varie tappe leggere. Un sommozzatore deve evitare cibi che causano una digestione pesante ed altri problemi digestivi. Se questi avvengono in acqua, lo sportivo può affrontare difficoltà veramente importanti.

Inoltre, il praticante di questa disciplina, deve avere il colesterolo controllato. Nell’immersione ad alte profondità l’essere umano si sottomette ad una pressione molto alta. Il sistema cardiaco è compromesso in questo sport, quindi si deve mantenere in ottime condizioni.

Aaspetti generali dell'alimentazione

Alimenti che non devono mancare nella dieta dei sub

L’alimentazione dei sub è qualcosa di diverso dal resto delle discipline sportive. Per esempio, in questo caso gli idrati di carbonio sono abbastanza consigliati. Ci riferiamo alla pasta ed al riso, anche se si devono controllare le quantità.

Per quanto riguarda la carne, il pesce è l’alimento che più si deve consumare. La sua alta concentrazione di acidi grassi è il segreto nel controllo degli indicatori dell’organismo. Inoltre, questo alimento è meno pesante della carne vaccina.

Gli alimenti poco pesanti saranno fondamentali nella dieta quotidiana. Per questo frutta e verdura devono apparire nei pasti, così come i latticini. Non devono mancare neppure gli alimenti ricchi di acqua e liquidi.

Prima e dopo l’immersione

Prima di entrare in acqua i pasti devono essere più leggeri possibile, ed apportare allo stesso tempo energia. Per esempio, se si fa l’immersione di mattina la cosa migliore sarebbe di mangiare cereali, latticini e frutta, solida o liquida. La frutta più consigliata è la pera per il suo alto contenuto di elementi nutritivi.

Più la frutta è digestiva e meglio è. L’ananas e la fragola hanno un grande valore. La banana è un’ottima fonte di energia, sempre che il resto non sia pesante.

Quando si esce dall’acqua, si può mangiare un pasto un po’ più pesante. Le gallette ed il pane avranno il loro spazio solo dopo questo momento. Le uova, il pollo e gli insaccati completeranno il recupero.

Alimentazione dei sub: quello che non devono mangiare

Tutti gli alimenti e le bevande che non favoriscono l’idratazione non devono essere assunti, ancora meno prima dell’immersione. Questo include bibite gassate, tè, caffè e ovviamente l’alcol.

Alimentazione dei sub: quello che non devono mangiare

I legumi come i fagioli, ceci e lenticchie devono essere evitati i giorni precedenti l’immersione. Questo tipo di prodotto può generare problemi digestivi oltre che essere difficili da assimilare. Trovandosi sotto la pressione della profondità, potrebbero causare mal di stomaco.

I frutti citrici non sono consigliabili, escluso l’ananas. Questi possono aumentare le probabilità di vomito sott’acqua. Gli stessi possono causare complicazioni respiratorie. L’ideale è evitare possibili complicazioni di salute difficili da controllare.

Gli alimenti dolci o che possono causare reflusso sono da evitare. Inoltre, devono passare alcune ore dopo aver mangiato certi alimenti. L’ideale sarebbe di non entrare in acqua nel mezzo del processo digestivo.

L’alimentazione dei sub è programmata per evitare pericolose cadute in un ambiente poco controllabile. I rischi sono conosciuti, ma controllabili; la dieta è essenziale per la sicurezza dei sub.