Tutto quello che c’è da sapere sul nuoto

· 23 Aprile 2019
Il nuoto è uno dei migliori sport da praticare per mantenersi in forma. In questo articolo, vi diremo quali sono i vantaggi e gli stili migliori da mettere in pratica.

Il nuoto è uno degli sport migliori per tenersi in forma. In questo articolo vi diremo tutto quello che c’è da sapere sul nuoto, evidenziandone i benefici. Inoltre, approfondiremo gli stili più adatti per esercitare i muscoli di tutto il corpo.

Quando non si è abituati, nuotare in modo costante per diversi minuti può essere un compito complicato. Come in altri esercizi, l’ideale è fare pause regolari finché non si ha la forma fisica necessaria per aumentare il tempo delle sessioni. Allo stesso modo, è importante idratarsi regolarmente durante ogni allenamento.

D’altra parte, il nuoto è uno sport a basso impatto per le articolazioni e i muscoli, anche se è sempre necessario ed essenziale riscaldarsi e fare stiramento per ridurre il rischio di lesioni. Quindi, con la costanza nell’allenamento riuscirete ad aumentare gradualmente le distanze percorse. Vediamo insieme tutto quello che c’è da sapere sul nuoto.

I benefici del nuoto

Il nuoto è uno degli sport più raccomandati per gli atleti. In realtà, è un’attività fisica con molte virtù, anche per coloro che lo fanno solo occasionalmente. Per conoscere tutto quello che c’è da sapere sul nuoto, cominciamo scoprendo i benefici più eccezionali di questo sport. Prendete nota!

1. Il nuoto è uno sport a basso impatto per le articolazioni

Uno dei primi benefici del nuoto da considerare è, senza dubbio, il basso impatto per la schiena e le articolazioni. È la ragione principale per cui questo sport può essere praticato a tutte le età da tutti i tipi di profili atletici.

Questa qualità, a sua volta, fa sì che le lesioni più comuni siano dovute principalmente alla ripetizione dei movimenti e non al trauma. È, in breve, un vantaggio per molte persone che tendono a ferirsi con una certa facilità, come ad esempio gli anziani.

2. Tonifica i muscoli

La pratica regolare del nuoto aiuta a tonificare i muscoli delle braccia, delle gambe e del tronco. L’effetto di assenza di gravità che la persona sente quando è immersa nell’acqua consente a tutti i muscoli di lavorare senza problemi.

Consigli nuoto

Il vantaggio principale del nuoto è che permette a tutti i muscoli del corpo di lavorare, il che garantisce una silhouette ben proporzionata. Inoltre, non è necessario includere un ulteriore carico di peso, poiché l’acqua offre una resistenza adeguata.

3. Brucia calorie

Il nuoto ottimizza il funzionamento del sistema cardiovascolare. Per questo motivo, è un alleato prezioso per favorire la perdita di peso e il consumo di calorie.

Affinché ciò sia possibile, non è necessario nuotare per ore per osservare i risultati nel vostro corpo. In realtà, l’essenziale è stabilire degli obiettivi e rispettarli. Quindi, a poco a poco, l’intensità delle sessioni di allenamento può essere aumentata.

I principali stili di nuoto

Ci sono diversi stili di nuoto che consentono all’atleta di allenare tutti i muscoli del corpo. Per ottenere uno sviluppo muscolare equilibrato e impedire che la routine diventi noiosa, l’ideale è alternare i diversi stili. Di seguito, presentiamo i principali stili di nuoto:

1. Stile libero o crawl

Lo stile libero o crawl è lo stile di nuoto più veloce ed efficiente di tutti. Questo perché le gambe fanno movimenti veloci e compatti alternati su e giù, mentre le braccia si muovono continuamente.

Stili nuoto

Mentre un braccio sposta l’acqua in avanti, l’altro recupera sopra la superficie dall’anca alla posizione in avanti. Pertanto, per respirare, il nuotatore gira la testa di lato durante il recupero del braccio.

2. Rana

La rana è uno dei primi stili che vengono insegnati ai principianti. Permette di nuotare tenendo sempre la testa fuori dall’acqua. Questo rende possibile per le persone imparare a nuotare senza dover indossare occhialini da nuoto o affrontare problemi respiratori.

Le braccia devono muoversi simultaneamente sotto l’acqua, con un movimento semicircolare davanti al corpo. Le gambe si spostano verso l’esterno e da un lato prima di estendersi e tornare alla posizione di partenza.

3. Dorso

Questo è uno stile che migliora la postura e consente di lavorare sui muscoli delle spalle e della schiena. Infatti, il dorso è sicuramente lo stile indicato per chi soffre di mal di schiena, poiché rinforza le spalle e le gambe, ed è inoltre ottimo per tonificare la schiena. Per eseguire il movimento, bisogna galleggiare sull’acqua a faccia in su e alternare le braccia per spingersi all’indietro.

Le braccia dovrebbero iniziare il movimento circolare spingendo l’acqua e recuperando sopra, mentre le gambe dovrebbero partecipare costantemente.

Stile libero
4. Farfalla, lo stile di nuoto più difficile

Lo stile farfalla è un movimento di nuoto avanzato, che fornisce un eccellente allenamento. Può essere più difficile ed estenuante da imparare, poiché richiede coordinazione e precisione, ma è anche uno stile molto divertente.

Per nuotare con lo stile farfalla, dovete iniziare con lo stomaco guardando verso il fondo della piscina. Poi mettere le braccia contemporaneamente sulla testa e spingerle verso l’acqua per dare lo slancio in avanti. Poi rimuovere di nuovo le braccia dall’acqua per ripetere il movimento.

La farfalla è, per molti, lo stile più complesso quando si impara a nuotare. Mentre le braccia si muovono nell’acqua, bisogna spingere la testa e le spalle sulla superficie dell’acqua. Anche le gambe devono eseguire un calcio per accompagnare il movimento.

Vale la pena ricordare che fra tutto quello che c’è da sapere sul nuoto, gli stili di nuoto sono molteplici e permettono di lavorare su diversi muscoli e parti del corpo. Non dimenticate che non c’è età per iniziare e soprattutto non ci sono dei limiti di tempo richiesti per praticarlo e per godere dei suoi innumerevoli benefici. Allora, che aspettate a provare questo entusiasmante sport?

  • Llana Belloch, S. (2002). El Análisis Biomecánico En Natación. Facultad de La Actividad Física y El Deporte. Universitat de Valencia, 31. Retrieved from http://kimerius.com/app/download/5780666631/El+análisis+biomecánico+en+natación.pdf
  • Soler, J. M. (1952). Natación. Natación. Publicado Mensualmente Por El Club Natación de Barcelona, 305, 228–230. https://doi.org/10.1016/S0304-405X(99)00053-7
  • Arribas, I. S. (2002). Natación y flexibilidad. Revista Internacional de Medicina y Ciencias de La Actividad F’isica y Del Deporte, 2(6), 128–142. Retrieved from http://dialnet.unirioja.es/servlet/articulo?codigo=1257514 http://www.redalyc.org/articulo.oa?id=227017599004