Le categorie del Rally Dakar

· 11 Marzo 2019
Scoprite tutte le categorie che partecipano al leggendario Rally Dakar e quali differenze esistono tra di loro

Il Rally Dakar ci regala sempre immagini spettacolari e pericolose anno dopo anno. Questo rally, che ha seguaci in ogni angolo del pianeta è una vera e propria sfida, per questo oggi approfondiremo le categorie che ne fanno parte. Come sono divise? Quante sono? Quali requisiti bisogna avere?

Il Rally Dakar si divide in cinque categorie: moto, auto, camion, quad e UTV. All’interno di ciascuna di queste esiste una separazione a seconda che si tratti di una squadra professionale o privata e che il veicolo sia di serie o modificato. Una volta fatta questa prima differenza, ci addentriamo in ogni categoria ed impariamo a conoscerla in profondità.

Moto

Questa categoria è la più affollata della Dakar poiché gareggiare in questa è sostanzialmente più economico rispetto alle altre. Inoltre, come dicono gli esperti, il vero Rally Dakar è quello su due ruote: pilota e ruote, soli davanti alle difficoltà del circuito.

Non bisogna neppure dimenticare che si tratta del modo più pericoloso di correre la Dakar, dal momento che i piloti non hanno un veicolo che li protegga, un copilota o un altro tipo di aiuto.

Il Rally Dakar in moto

Il limite delle moto che vi possono partecipare è fissato a 250, nell’ultima edizione parteciparono alla gara 168, che rappresentò il 30% del numero totale di partecipanti.

All’interno di questa categoria ci sono due tipi di moto: super produzione e maratona. Le prime sono specificatamente preparate per la gara e le seconde sono serie di tipo enduro, in quanto vendute al pubblico. Entrambe devono avere un motore con un massimo di 450 centimetri cubici.

I piloti storici più importanti di questa categoria sono il francese Cyril Depres, vincitore di cinque edizioni e lo spagnolo Marc Coma, anche vincitore per diversi anni e attuale direttore del Rally Dakar.

Auto

Nella categoria delle auto, che è divisa in tre sottocategorie, troviamo piloti come Nani Roma, Peterhansel o Loeb:

  • T1: veicoli modificati appositamente per il Rally Dakar. Sono quelli dei grandi marchi e quelli che hanno un budget maggiore. Possono essere di 4 ruote motrici o solo due.
  • T3: veicoli di serie, cioè, che sono in vendita al grande pubblico. A loro volta, si dividono in veicoli T2 diesel o benzina.
  • T3: prototipi leggeri. All’interno di questa categoria, si fa differenza tra quelli con potenza superiore a 1050 cc e se il tipo di motore è a benzina.

Camion

Sconosciuta e allo stesso tempo spettacolare, la categoria dei camion esiste in quanto tale dal 1999, sebbene questo tipo di veicolo già gareggiava precedentemente all’interno della categoria delle auto con la denominazione di veicoli pesanti.

Rally Dakar in camion

Questi giganti devono avere una potenza compresa tra 700 e 1000 CV e la loro velocità è limitata a 140 km l’ora e devono avere un peso minimo di 8500 kg.

In questa categoria i kamaz, il marchio di camion russo, sono i re e anno dopo anno sono i principali favoriti. Inoltre, competono altri marchi come IVECO o MAN.

Quad

Chiamata anche quadricicli, questa categoria ha avuto negli ultimi anni un numero maggiore di partecipanti, raggiungendo i 40 nell’ultima edizione del Rally.

Quad nel Rally

All’interno dei quad esiste una differenza a seconda che abbiano due o quattro ruote motrici, il limite è di 750 cc per i primi e 900 cv per i secondi. Inoltre, questa categoria ha la particolarità che sia il telaio che il motore devono essere parti standard, cioè, che possono essere acquistati dal grande pubblico.

I fratelli Patronelli, Ignacio Casale e Rafal Sonik sono alcuni dei piloti più importanti di questa categoria.

UTV

Questa categoria ha solo un anno, dal momento che ha debuttato quest’anno nel Rally e può essere definita come un intermedio tra auto e quad, poiché le sue dimensioni e la sua potenza stanno tra queste due. Sono veicoli relativamente economici con una meccanica semplice e una potenza inferiore a 1050 cv.

UTV nel Dakar

Nell’ultima edizioni, hanno debuttato 10 piloti in questa modalità, tra cui si è proclamata vincitrice la brasiliana Torres.