Ecco come superare l'angoscia della quarantena

05 maggio, 2020
La quarantena è un periodo atipico che ha cambiato il modo di allenarsi di tutti gli atleti. Ecco perché dobbiamo imparare a gestire l'ansia e le emozioni negative.
 

Ogni atleta deve imparare a superare l’angoscia della quarantena. Durante questo periodo, è normale provare le più svariate emozioni, sia piacevoli che spiacevoli, ma bisogna cercare di mantenere un atteggiamento positivo e non lasciarsi trasportare dalla negatività.

L’angoscia della quarantena non colpisce tutti gli atleti allo stesso modo. Coloro che hanno più difficoltà a rispettare la routine di allenamento e mantenere la forma fisica sono più suscettibili a provare angoscia. Al contrario, continuare ad allenarsi a casa aiuta gli atleti ad affrontare questo periodo così insolito.

Durante queste settimane si è visto che il 2020, a livello sportivo, risulterà a dir poco atipico. Molti eventi sono stati rinviati al prossimo anno, come le Olimpiadi e il campionato europeo. Altri, come i campionati di calcio, sono stati sospesi e non si sa quando potranno riprendere.

Oggi un atleta deve portare avanti un allenamento non solo fisico fisico, ma anche psicologico per superare l’angoscia della quarantena. In questo articolo vi daremo alcuni suggerimenti al riguardo.

Controllare le emozioni spiacevoli con la meditazione

Le tecniche di rilassamento e di meditazione sono molto utili per calmare i sintomi fisici dell’ansia. Tecniche classiche come la respirazione diaframmatica o le tecniche di rilassamento muscolare di Jacobson aiutano a trovare quello stato di benessere fisico e mentale necessario per superare l’angoscia.

Altri modi per rilassarsi, come la meditazione e la consapevolezza, si sono dimostrati ampiamente efficaci. Sebbene queste tecniche siano sconosciute, su Internet è facile trovare delle sessioni guidate e dei tutorial creati da professionisti per imparare a rilassarsi. Infatti, l’unione tra spiritualità e fitness offre diversi vantaggi.

 
Ragazza fa meditazione sul letto


La creatività per ridurre l’angoscia della quarantena

Allenarsi a casa non è sempre facile. Le limitazioni di spazio e attrezzatura possono essere demotivanti durante l’esecuzione di una routine. Ecco perché essere creativi e pensare a nuovi modi per allenarsi  aiuta a sentirsi realizzati e a migliorare l’umore.

Gli oggetti di uso quotidiano possono sostituire perfettamente l’attrezzatura da palestra. Né ci vuole molto spazio per realizzare un allenamento di tipo aerobico. La creatività consiste nel trovare un nuovo uso per gli oggetti che abbiamo a casa e nel saper sfruttare al meglio lo spazio.

Un esercizio che funziona con la creatività implica guardarsi intorno e pensare a degli usi alternativi per gli oggetti. Ciò comporta la ricerca delle giuste qualità – peso, forma, materiale – che le rendano simili alle attrezzature da palestra.

Tenere a bada i pensieri negativi: si può!

La relazione tra i pensieri negativi e l’angoscia è circolare. I pensieri negativi sul futuro alimentano l’angoscia e questa, a sua volta, aumenta la quantità di pensieri negativi.

È essenziale interrompere questa relazione mantenendo un atteggiamento positivo nei confronti del futuro. Un atteggiamento positivo non significa essere ciechi e non accettare la realtà, ma essere consapevoli della situazione attuale e vedere il futuro con ottimismo e speranza.

 

D’altra parte, pensare al futuro è estenuante e non porta benefici. La quarantena è una nuova situazione e non è possibile prevedere cosa accadrà dopo. Quindi l’attenzione dovrebbe rimanere concentrata sul presente e sui pensieri diretti al qui e ora.

Mantenere il contatto sociale, anche a distanza

Il contatto sociale ha molteplici vantaggi, e ciò vale per tutti, nessuno escluso. Nel caso degli atleti, gli allenatori e i compagni di squadra sono una parte essenziale della loro vita.

Poiché il contatto con gli altri risulta limitato durante la quarantena, è necessario trovare nuovi modi per parlare con amici e familiari. La tecnologia aiuta in questo scopo e consente di rimanere a contatto con le persone care, seppur attraverso uno schermo.

Donna fa esercizio fisico a casa

La ricerca afferma che il contatto sociale, sia esso di persona o a distanza, rilascia ossitocina, un ormone che inibisce lo stress. Pertanto, maggiore è l’ossitocina rilasciata dal cervello, minore sarà l’angoscia.

Superare l’angoscia della quarantena è possibile

Sebbene le emozioni siano molto intense durante la quarantena, è possibile gestirle in modo efficace. Gli esperti raccomandano di stabilire delle routine per la popolazione generale e, nel caso degli atleti, vale lo stesso discorso.

 

Cercate di stabilire e portare avanti una routine di allenamento quotidiana. Le possibilità e gli esercizi sono molteplici, bisogna solo essere creativi e guardarsi intorno.

  • Martino, P. (2014). Aspectos comportamentales de la oxitocina: su influencia en el estrés y en la cognición social. Cuadernos de Neuropsicología/Panamerican Journal of Neuropsychology, 8(2).
  • Miró, M. T., Perestelo-Pérez, L., Pérez Ramos, J., Rivero, A., González, M., y Serrano, P. (2011). Eficacia de los tratamientos psicológicos basados en mindfulness para los trastornos de ansiedad y depresión: una revisión sistemática= Effectiveness of mindfulness based treatments for anxiety and depressive disorders: a systematic review.