Perché è importante allenarsi durante la quarantena?

Dobbiamo impedire che l'isolamento influenzi negativamente il nostro stile di vita. Fare esercizio fisico in quarantena è un'arma eccellente per affrontare questa sfida difficile per tutti.
 

La pandemia causata dal COVID-19, noto come coronavirus, ha fatto sì che la maggior parte dei governi di tutto il mondo abbia deciso di adottare delle misure di quarantena per impedirne la propagazione. Questo stato di cose può indurre le persone ad adottare uno stile di vita sedentario. Ecco perché è importante allenarsi durante la quarantena.

L’isolamento preventivo o imposto dalle entità governative deve essere fatto in modo consapevole, evitando qualsiasi contatto con le altre persone. Queste misure così restrittive possono essere dure da affrontare, ma lo sono ancora di più se abbandoniamo le buone abitudini. In questo articolo vi diciamo perché è importante allenarsi durante la quarantena.

Che cos’è la quarantena?

In generale, quarantena significa allontanarsi dall’ambiente in cui le persone vivono normalmente. Ciò include relazionarsi con gli altri individui, recarsi in ufficio e tutti gli altri tipi di attività a cui siamo abituati.

L’isolamento sociale può essere involontario e portare conseguenze negative per l’organismo, sia a livello psicologico e che fisico. Tuttavia, nel caso del COVID-19, l’isolamento è parzialmente volontario ed avviene sotto la supervisione dei governi locali.

 

Indipendentemente dal tipo di isolamento – volontario o involontario – le conseguenze negative possono influenzare tutti. Continuate a leggere per scoprire in che modo la quarantena è legata all’esercizio fisico.

Allenarsi in quarantena

Le misure di isolamento preventivo possono influenzare gravemente la maggior parte delle persone. Una delle prime conseguenze è l’adozione di uno stile di vita sedentario.

In una situazione come questa, la raccomandazione principale è quella di allenarsi e fare esercizio fisico a casa. In questo modo, sarà più facile prevenire le conseguenze di uno stile di vita sedentario. Infatti, uno stile di vita sedentario è uno dei principali rischi durante il periodo di quarantena.

Stile di vita sedentario

Cos’è lo stile di vita sedentario?

Conosciuto anche come inattività fisica, lo stile di vita sedentario è uno dei peggiori mali del XXI secolo. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità – OMS – almeno il 60% della popolazione mondiale non svolge l’attività fisica che dovrebbe.

L’ideale è evitare che l’isolamento ci faccia cadere in pratiche improprie come lo stile di vita sedentario. Per questo motivo, è consigliabile fare esercizio fisico a casa.

 

Perché è importante allenarsi durante la quarantena?

Come accennato in precedenza, il motivo principale per cui è importante allenarsi durante la quarantena è evitare di adottare uno stile di vita sedentario. Quando cadiamo in questa pratica, entriamo in una fase di pigrizia fisica, che potrebbe provocare anche alterazioni a livello emotivo.

Attenzione alla dieta

Oltre all’inattività fisica, l’apporto calorico attraverso la dieta potrebbe provocare un caos a livello metabolico. Per questo motivo, la routine di esercizi da fare casa dovrebbe essere di primaria importanza durante la quarantena.

La raccomandazione in questo caso è quella di realizzare delle routine di allenamento di almeno 30 minuti ogni giorno. Se non sapete come fare, vi consigliamo di consultare dei professionisti tramite Internet o telefonicamente.

Inoltre, dobbiamo cercare di non mangiare cibi in scatola o con una percentuale di calorie superiore a quello di cui abbiamo bisogno.

Disturbi emotivi dovuti alla quarantena

L’importanza di allenarsi durante la quarantena non risiede esclusivamente nell’aspetto fisico o nell’evitare l’aumento di peso. Molte persone soffrono molto a causa dell’isolamento sociale e potrebbero avere dei problemi emotivi.

L’organismo, come la mente, deve possedere un adeguato equilibrio per quanto riguarda la salute dell’individuo. Affrontare i danni dell’isolamento è il vero obiettivo, ed è qui che sta l’importanza dell’esercizio fisico a casa.

 

Quando l’inattività fisica prende il sopravvento sulla mente, lo stress e l’ansia sono i primi ad apparire. Ciò è dovuto alle alterazioni ormonali che si verificano in questa fase in cui il contatto sociale è ridotto a zero.

Disturbi ormonali

Il sistema neuroendocrino è responsabile del rilascio di ormoni che servono a contrastare le reazioni nel corpo causate da situazioni di stress. Tuttavia, quando questi livelli superano gli indici comuni, sorgono delle alterazioni ormonali.

Poiché l’isolamento è un possibile fattore scatenante di stress eccessivo dovuto al panico o alla paura, l’organismo tende a soffrire di questi disturbi. Uno dei principali ormoni secreti fuori controllo è il cortisolo, che è responsabile, in condizioni normali, di svolgere diversi compiti metabolici per l’omeostasi dell’organismo.

Mal di testa dovuto al telelavoro

Infatti, quando l’ormone dello stress viene secreto in quantità anormali, compaiono sintomi che influenzano notevolmente il corpo: mal di testa, affaticamento, ipertensione —HTA—, dolore muscolare, crampi, mancanza di appetito, tra gli altri.

Conclusioni: è importante allenarsi durante la quarantena

Sulla base di quanto detto sopra, possiamo facilmente concludere che l’isolamento sociale influisce ampiamente su vari aspetti dell’organismo. Da quello fisico a quello emotivo, ogni parte di noi può essere compromessa. Quindi l’esercizio fisico sembra un’ottima alternativa per alleviare, se non per eliminare, questi problemi.

 

Affrontare e rispettare la quarantena causata dal COVID-19 è fondamentale ed è un dovere di tutti. Ciò non significa che non possiamo allenarci a casa: infatti, non bisogna smettere mai di fare esercizio fisico, tantomeno in una situazione come questa.

  • Ledermann Dehnhardt, W. (1996). El hombre y sus epidemias a través de la historia. Rev. Chil. Infectol.
  • Andradas Aragonés, E., Merino Merino, B., Campos Esteban, P., Justo Gil, S., Gil Luciano, A., Zuza Santacilia, I., Terol Claramonte, M., & Santaolaya Cesteros, M. (2015). Actividad física para la salud y reducción del sedentarismo. Ministerio de Sanidad, Servicios Sociales e Igualdad.
  • Pineda, C. A. (2008). Metabolic syndrome: Definition, history, criterion. Colombia Medica.