7 consigli per fare gli addominali correttamente

· 15 ottobre 2018
Vediamo alcune raccomandazioni che ti aiuteranno ad allenare gli addominali in modo efficace e sicuro; evitare lesioni alla schiena e strappi è la cosa più importante. 

Vi piacerebbe sapere come fare gli addominali correttamente? Volete ottenere buoni risultati e sfoggiare un addome ben definito?

Se non raggiungete l’effetto desiderato, forse è a causa di alcuni errori che potreste commettere durante l’allenamento. Perciò, in questo articolo vi spiegheremo come fare gli addominali correttamente.

Consigli per fare gli addominali correttamente

In tutti gli allenamenti in palestra, questi esercizi non possono mancare. Talvolta, però, non ci rendiamo conto che questi non danno l’effetto desiderato. Perché? A volte la mancanza di risultati è dovuta al fatto che non si sa come fare gli addominali correttamente. Prestate attenzione ai consigli qui di seguito.

1. Tenete la schiena dritta

Senza considerare che tipo di addominali state facendo, la schiena – e soprattutto la zona lombare – deve stare dritta. È un errore comune inarcare la colonna. In questo modo stiamo trasferendo lo sforzo a quella zona, e non a quella che intendiamo allenare.

fare gli addominali correttamente

Oltre a non ottenere  buoni risultati per l’addome, rischiamo anche di stare male o lesionarci la schienaAnche negli esercizi in cui bisogna partire dal suolo, prestate attenzione alla postura.

2. Fate movimenti lenti

Non serve a niente finire la serie in tempi record se poi non ottenete degli addominali ben marcati. Nel mondo del fitness dicono sempre che è meglio fare un movimento lento e controllato. Al contrario, i movimenti troppo rapidi causano solo dolori e contrazioni. Per fare gli addominali correttamente, mai fare movimenti violenti.

3. Attenzione al collo

Se sentite dolore alla nuca, allora vuol dire che non state eseguendo correttamente l’esercizio. La zona che deve lavorare è l’addome, e non altre. Un trucco: appoggiate il mento sul petto o tenetelo il più vicino possibile. E ovviamente non dimenticate di mettere le mani dietro al collo per sostenerlo adeguatamente. I gomiti devono sempre essere rivolti all’esterno e le braccia ben aperte. Questo garantisce che a lavorare sarà il busto!

fare gli addominali correttamente

4. Attenzione alla respirazione

Non siamo soliti esercitarci basandoci sulla respirazione e questo è un grave errore. Per fare gli addominali correttamente, la tecnica è questa: inspirare prima di contrarre l’addome ed espirare contraendo. 

Questo vuol dire che prenderete aria quando la schiena è per terra o sul tappeto e la espellerete quando avrete completato la salita.

5. Sfruttate gli esercizi sostenuti

Gli esercizi sostenuti sono quelli che, come indica il nome, ci fanno mantenere la postura per un paio di secondi. Possiamo applicarli a molti gruppi di muscoli, compreso l’addome.

Se li aggiungete alla routine, potrete ottenere risultati in meno tempo. Ce ne sono molti che servono a definire gli addominali, come ad esempio stendere le gambe e sollevarle. Sollevate il busto e tenetevi in equilibrio con le braccia stese lungo i fianchi. L’idea è che il corpo formi una ‘V’. Un’altra idea è che i polpacci rimangano paralleli al suolo e alla stessa altezza delle braccia.

6. Modificate la vostra routine

Se fate sempre gli stessi esercizi, i muscoli si abituano e non crescono. Per questo, è molto importante modificare la propria routine di tanto in tanto. Questo concetto è da applicare a qualsiasi disciplina.

Nel caso degli addominali, la buona notizia è che… esistono decine di opzioni! Potete farli con le gambe stese, piegate o sollevate. Con il busto dritto o ai lati, con un pallone o con una fascia elastica. Non potrete mai annoiarvi!

7. Fate stretching alla fine

fare gli addominali correttamente

Fare gli addominali correttamente comprende anche tutto lo stretching da fare al termine dell’allenamento. Anche se vi sembra noioso, non esitate a farlo. Vi aiuterà nella fase di recupero e di rilassamento. È l’ideale per far tornare i battiti del cuore alla normalità.